Come trasmutare le emozioni

Come trasmutare le emozioni

Il piombo delle emozioni inferiori è l’oro in potenza delle emozioni superiori. Il piombo è il carburante da trasformare in Amore. È quindi un materiale preziosissimo, sebbene a prima vista appaia come negativo e doloroso. L’alchimista è colui che con la presenza sulle emozioni inferiori di rabbia, odio, ansia, orgoglio e paura opera una trasmutazione di tali emozioni. Esse vengono trasformate in qualità superiori, dalla fiducia al coraggio, dall’impeto guerriero all’amore incondizionato, dal distacco alla dolcezza, dalla pazienza alla tolleranza, dall’entusiasmo alla gioia, dalla pace alla resa e accettazione. Ma come trasmutare le emozioni?

La via della trasmutazione alchemica

La via della trasmutazione alchemica consiste nella trasformazione del piombo in oro. Che cos’è il piombo? Il piombo è l’insieme di emozioni legate alla nostra mente primitiva. Non a caso esse sono in comune con la maggior parte degli animali: tutti gli animali provano paura, impulsi sessuali e aggressivi, rabbia, bisogni. Proviamo sicuramente una gamma di emozioni inferiori molto più varia, ma ciò non toglie che esse siano un derivato della nostra eredità animale. Non è un caso, ad esempio, che si dica che una persona adirata sia inviperita o sia come un cane rabbioso. L’uomo è un essere complesso: ha una parte inferiore, animale e una parte superiore, angelica, spirituale e divina. La spiritualità consiste nel trascendere la parte inferiore, trasmutandola in quella superiore e nel dominare la propria animalità diventando puro spirito.

Dicevamo dunque che il piombo è l’eredità animale che portiamo dentro di noi. Essa può essere trasmutata tramite la presenza. Vale a dire, quando nasce dentro di noi un’emozione inferiore di rabbia, odio, paura, vergogna, colpa e così via, dobbiamo coglierla mentre sorge: quest’atto di consapevolezza permette di trasformare l’emozione in un atto di amore, purché la pratica sia prolungata nel tempo e svolta con dedizione. Per operare questa trasmutazione, non bisogna tanto compiere uno sforzo (se non quello di essere presenti all’emozione proprio mentre sorge). Piuttosto, la trasformazione è più rapida ed efficace se ci abbandoniamo alla nostra presenza, in modo femminile. L’energia femminile dell’apertura si unisce così all’energia maschile dello sforzo e della volontà di rimanere presenti. Se accogliamo profondamente un’emozione inferiore, senza resistenze, essa diventa un’emozione di cuore. Vediamo nello specifico come trasmutare le emozioni inferiori in emozioni superiori.

Come trasmutare le emozioni inferiori in emozioni superiori

Ecco i passi per trasmutare le emozioni inferiori in emozioni superiori:

  • Osservare le proprie emozioni in modo da diventarne consapevole e riconoscere come sorgono, si sviluppano e si dissolvono. Per fare questo bisogna osservare la mente e le sensazioni fisiche senza giudizio. Così vengono portate alla luce la componente mentale e quella fisica delle emozioni.
  • Lasciare andare le interpretazioni della mente. Essa proietta all’esterno la causa della sofferenza emotiva.
  • Assumersi la responsabilità di aver creato quell’emozione in modo da smettere di dare la colpa all’esterno e riconoscere che è stata l’emozione ad attrarre l’evento e non viceversa.
  • Riconoscere che l’evento esterno è solo un’occasione che fa emergere il disagio emotivo, che è però sempre nel subconscio e non è mai causato da un evento esterno.
  • Rimanere presente sulla sensazione fisica di disagio. Ciò significa smettere di giudicarla come negativa e viverla come sensazione pura, come se fosse un semplice mal di stomaco o mal di denti. Distingui tra dolore e sofferenza: il dolore è solo una sensazione, mentre la sofferenza nasce dalla resistenza alla sensazione.
  • Arrenditi totalmente, lasciando andare ogni resistenza e aprendo il tuo cuore e la tua mente alla possibilità di una nuova percezione della realtà.
  • Cerca di essere il più amorevole possibile con te stesso e di portare amore sul dolore. Mentre inspiri ripeti: “Mi riempio di Amore” e mentre espiri “Lascio che l’Amore guarisca il mio dolore e il dolore se ne va”.

La presenza per trasmutare le emozioni inferiori

Per trasmutare le emozioni inferiori la chiave è la presenza. L’energia trattenuta in astrale deve essere portata nel cuore. Per fare ciò bisogna smettere di nutrire le energie basse. Le emozioni negative si nutrono della nostra attenzione. Essa generalmente viene risucchiata perché cadiamo sotto il loro impulso. In genere, quando sale la rabbia, la reazione è quella di esprimerla o trattenerla. Ma sia l’espressione che la repressione di un’emozione sono dannose e soprattutto rendono l’emozione più forte. O perlomeno l’energia rimane lì dov’è sempre stata. Solo lasciando andare la reazione tramite la presenza consapevole l’energia negativa viene trasmutata. Con il tempo, saremo in grado di trasformare immediatamente un’emozione inferiore in un atto di amore, in un’emozione di cuore.

Per fare questo non dobbiamo compiere uno sforzo, se non quello di essere presenti. Sarà la nostra presenza a operare spontaneamente la trasmutazione. Se siamo già presenti prima che un impulso salga, la negatività non ha potere su di noi. Se diventiamo presenti quando un impulso sta arrivando, esso può essere trasmutato. E se non siamo già presenti, possiamo diventare presenti in qualunque momento, anche se la reazione è già partita. E mentre l’emozione è ancora forte, possiamo ritirarci in silenzio per rimanere presenti sul dolore, non per liberarcene, ma per comprenderlo e per accoglierlo dentro di noi, smettendo di resistergli e di dare la colpa all’esterno, ammettendo di non sapere perché soffriamo e riconoscendo di essere noi ad aver creato la sofferenza.

Aprire il cuore

La trasmutazione operata nel tempo produce l’apertura del cuore. Tale risultato può essere raggiunto più facilmente se nel frattempo si coltivano emozioni superiori (scopri qui come). L’oro creato direttamente con la contemplazione della bellezza e dell’arte o il servizio rende molto più forte il lavoro di trasmutazione alchemica. Una sola emozione di cuore può valere molti mesi o addirittura anni di lavoro alchemico. L’apertura del cuore è lo scopo finale del lavoro su di sé. Aprire il cuore significa dotarsi di nuovi occhi per vedere e iniziare a percepire la bellezza di tutto, sentire la pace e l’amore dentro di sé ed espanderli all’esterno. Aprire il cuore significa uscire dalla prigione della mente. E ciò significa ottenere la libertà interiore, che è l’unica vera libertà che esista.

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato.

2 commenti su “Come trasmutare le emozioni”

  1. TIZIANA PATANE'

    Grazie mille per questi consigli, fossero arrivati qualche giorno fa avrei evitato un grosso problema familiare… Dettato proprio dalla rabbia, paura e forma di protezione verso mia figlia, che a causa di un intervento mio, la persona che stava conoscendo l’ha lasciata… Allo stesso tempo mio figlio si è allontanato per difendere la sorella… Capisco che sono stata impulsiva, la rabbia mi ha fatto scrivere su messanger di lui sapendo che si voleva vaccinare gli ho scritto che nn gli avrei fatta vedere più mia figlia e se cercava di vederla di nascosto l’avrei ritenuto responsabile se le capitava qualcosa… Il mio intento era nn d’allontanarli ma far si che lui destasse dalla decisione e per amore nn avrebbe fatto il vax… Lui lo ha fatto lo stesso.. Naturalmente poi ho mandato delle scuse ma senza risultato, come posso rimediare a tutto questo??? Mia figlia è infelice, mio figlio nn mi parla più ed io mi sento in colpa pur sapendo che nn ne ho in quanto ho avvisato il bene… Aiutatemi se potete.. Grazie Grazie Grazie
    🙏

    1. Leonardo Pazzola

      L’unica cosa che mi sento di dirti è questa: fai ciò che ritieni più amorevole per te stessa e per tua figlia e per tutte le persone coinvolte nella faccenda. La cosa più amorevole da fare non è mai una cosa specifica, ma è piuttosto un atteggiamento. Se scegli la pace e l’amore dentro di te invece della colpa e della paura e se riesci a vedere che tutti gli interessi delle parti coinvolte nella faccenda sono gli stessi, la situazione si risolverà. Magari all’esterno potrebbe non cambiare nulla, ma almeno dentro di te tu sarai disposta a perdonare, a essere dolce e amorevole con tutti (a partire da te stessa!), a rimanere serena e in pace al di là di tutto ciò che sembra accadere attorno a te! In sintesi: scegli l’Amore e la pace, lasciando andare la paura e la negatività legata alla faccenda,
      dopodiché non preoccuparti di soluzioni specifiche all’esterno, ma rimani nella pace. Se sceglierai davvero la pace, ti verrà molto più facile intervenire nella situazione e la soluzione affiorerà sicuramente da sé. In bocca al lupo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: