Il modo migliore per prenderti cura di te

Qual è il modo migliore per prenderti cura di te? Dimenticarti di te. Può sembrare un paradosso. Ma quando siamo completamente assorbiti da noi stessi, ci autodistruggiamo. Quando siamo ossessionati dal nostro io, finiamo vittima di mille paranoie, preoccupazioni, angosce, dubbi, sospetti. E non riusciamo più a vivere serenamente. Al contrario, quando ci dimentichiamo almeno un po’ di noi stessi, la nostra felicità aumenta. E con essa aumentano il nostro benessere e la nostra salute, poiché smettiamo di tormentarci da soli. La maggior parte di noi vive con dentro di sé un torturatore: una mente mal gestita infatti si trasforma in un mostro. Una mente mal gestita è una mente che mette sé stessa al centro e sviluppa la paranoia dell’io.

Tutti i nostri problemi derivano dall’eccessiva attenzione che diamo a noi stessi. Nello specifico, dipende dal fatto che ci focalizziamo sul nostro falso sé, difendendo e continuando a creare un senso di identità fasullo, che ci porta solo sofferenza. In un precedente articolo ho parlato di come sia possibile liberarsi del proprio ego. Oggi descriverò brevemente il modo migliore per prenderti cura di te, che consiste per l’appunto nel dimenticarti di te stesso. Anche se non arrivi a liberarti totalmente del tuo ego, puoi trovare enorme giovamento da questa soluzione. Dopotutto, se rifletti un attimo, se la tua mente fosse improvvisamente trasformata in una tabula rasa, che problemi avresti? Ovviamente non dobbiamo diventare degli ebeti per liberarci dai nostri problemi: dobbiamo trascendere il pensiero senza tuttavia perderne l’uso.

Il modo migliore per prenderti cura di te

Ecco qual è il modo migliore per prenderti cura di te: inizia a vedere te stesso come ti guarderebbe un estraneo. Potresti pensare che ciò significherebbe smettere improvvisamente di occuparti dei tuoi bisogni. Ma ovviamente essere un estraneo a se stessi non significa essere noncuranti! Un estraneo può tranquillamente essere una persona amorevole! E il nostro obiettivo dovrebbe essere questo: imparare a prenderci cura di noi con amore, ma non con ossessività o bisogno di controllo. E per imparare ad amare noi stessi dobbiamo, paradossalmente, rinunciare alle nostre sicurezze, alle nostre barriere e ai nostri condizionamenti. Infatti l’amore è libertà, si prende cura con attenzione ma allo stesso tempo non è ossessionato dal risultato, espande la sua forza anziché contrarsi e chiudersi a riccio.

Possiamo curare la nostra salute senza temere di perderla. Possiamo curare il nostro aspetto senza puntare al perfezionismo per paura del giudizio degli altri. E possiamo creare la carriera dei nostri sogni senza essere ossessionati dal fatto che potremo fallire. Possiamo fare una scelta senza far dipendere la nostra felicità da essa. Possiamo difendere un’opinione senza voler avere a tutti i costi ragione. E possiamo dire di no senza sentirci in colpa e senza condannarci. Possiamo imparare cose nuove senza voler a tutti i costi essere i più colti. Possiamo essere felici anche se le nostre aspettative non sono soddisfatte. E possiamo lasciar andare le nostre preoccupazioni, le nostre paranoie, poiché esse non servono ad altro che a tormentarci.

Diventa consapevole del potere della tua mente

La maggior parte di noi pensa che la fonte della propria felicità e sicurezza si trovi all’esterno. Per cui pensa che ciò che farà, mangerà, berrà determinerà il suo benessere, la sua salute, la propria soddisfazione. Creiamo paranoie di ogni tipo perché diamo potere all’esterno: crediamo che un virus ci possa far male, che l’inquinamento ci possa uccidere, che ciò che fanno gli altri possa influenzarci. Ma in questo modo ci destiniamo a essere degli schiavi! Dovremmo ricordare che il vero potere che decide delle nostre vite è contenuto nelle nostre menti. La mente può farci sperimentare una scala diversa di stati che vanno dalla miseria alla beatitudine, in base a come è utilizzata. Le paranoie e le preoccupazioni sono uno dei modi più semplici per annientare sé stessi e soffrire atrocemente!

Dopotutto, ammesso (e non concesso) che l’inquinamento abbia il potere di ucciderci, i nostri pensieri possono farlo molto più subdolamente e rapidamente. La fonte della malattia e, d’altra parte, quella della guarigione, è dentro di noi, non al di fuori. Diventare consapevoli dei poteri della nostra mente ci rende responsabile della nostra vita e ci apre a potenzialità inaudite. L’inquinamento non ti farà ammalare, ma la paranoia sull’inquinamento potrebbe! Gli agenti esterni hanno potere su di noi solo se glielo attribuiamo, assumendo il ruolo di vittime e scordandoci di essere noi i creatori della nostra realtà. Come può un mondo inerte, riflesso della nostra coscienza, farci del male (o viceversa del bene), a meno che non siamo noi a permetterglielo? Questa è la chiave per la libertà interiore!

Lascia andare le paranoie

Se diventi consapevole del potere della tua mente, sai che sei tu a crearti la felicità, il piacere come il dolore, la miseria e la sofferenza. Questa non è una filosofia, non è una teoria alla quale credere. Posso solo assicurarti che applicarla porta a risultati straordinari. E ti può rendere davvero potente e in grado di determinare tu come sentirti, che cosa provare, che cosa fare. Se sai che sei tu a creare la tua realtà, come possono più manipolarti? In verità infatti tutte le manipolazioni sono proiezioni della nostra mente: le catene sono interamente dentro di noi! E quindi il modo migliore per prenderti cura di te è partire da questa consapevolezza e, dopodiché, preoccuparti solamente di lasciar andare le tue preoccupazioni e paranoie.

Lasciar andare le nostre preoccupazioni è una delle cose più salutari che possiamo fare. Ciò giova tanto alla nostra salute fisica quanto a quella psicologica e spirituale. E soprattutto ci permette di buttare via i panni della vittima per assumere quelli del responsabile e creatore della propria realtà. E a quel punto possiamo lavorare per disfare il nostro ego, poiché vedremo che è esso l’unico nostro nemico. Se infatti siamo delle vittime, chiunque ha il potere di farci del male, per cui i nostri sforzi per essere felici e liberi sono dispersi, mentre se siamo responsabili, possiamo convogliare tutti i nostri sforzi verso l’unico nemico, che tra l’altro è dentro di noi, per cui non può sfuggirci, se solo saremo in grado di non cedere alle sue pressioni, ai suoi tentativi di proiettare all’esterno la colpa, di lamentarsi, di controllarci.

Lascia andare il bisogno di controllo

Se sei responsabile di te stesso e della tua realtà, puoi iniziare a rilassarti. Sai che ciò che ti capita è sempre la cosa migliore per te, per la tua evoluzione, o comunque l’hai in qualche modo attirato tu. Questa è una delle verità più scomode della legge di attrazione: non attiriamo solo ciò che desideriamo, ma anche ciò che pensiamo di non volere e in realtà fa parte della nostra volontà più profonda e sepolta nel subconscio. All’inizio ciò può essere scioccante, poiché la nostra mentalità di vittima ci porta a dire che è impossibile che “ci cerchiamo” le sciagure e la sofferenza. Eppure se avremo il coraggio e faremo lo sforzo di andare contro questa resistenza, ci si spalancherà davanti un mondo pieno di potenzialità meravigliose. E la porta verso la libertà si aprirà davanti a noi.

Se sei responsabile di te stesso, puoi avere fiducia nel mondo, nella vita e negli altri. Non hai più bisogno di controllare che tutto vada a posto. Ti puoi liberare dell’ansia di controllo e della tendenza ossessiva ad assicurarti che le cose stiano andando per il verso giusto. Puoi smettere di preoccuparti eccessivamente per i risultati delle tue azioni. Puoi lasciarti andare alla vita e abbandonarti al momento presente. La maggior parte di noi è nevrotico. Non c’è bisogno di ricevere una diagnosi di disturbo ossessivo-compulsivo per non essere nevrotici. La nevrosi si manifesta con stress, frenesia, ansia, sfiducia, preoccupazioni e paranoie, ossessività e compulsioni, dubbi e sospetti. Chi di noi può dirsi completamente immune a queste cose?

Ma fortunatamente possiamo guarire la nostra nevrosi dimenticandoci un po’ di noi e piuttosto iniziando ad amarci e ad amare.

Apri il cuore e ama: ecco il modo migliore per prenderti cura di te!

In definitiva, se vogliamo davvero farci un regalo meraviglioso, dobbiamo imparare ad amarci. Infatti è il giudizio su noi stessi a renderci schiavi del perfezionismo, della paura, delle autorità, del senso di indegnità, della trappola dei sensi di colpa, dell’odio, della rabbia e della lamentela. Solo l’amore può guarirci dalla malattia spirituale della disconnessione da noi stessi, che si riflette poi nel corpo sotto forma di disturbi di ogni tipo. Prova ad aprirti anche solo a una scintilla di amore e vedi come il suo nettare guarisce rapidamente la tua mente e il tuo corpo. Per poter sperimentare l’amore, dobbiamo dedicarci con tutte le nostre energie ad aprire il nostro cuore. Dobbiamo lavorare per eliminare il giudizio sugli altri e su noi stessi. Dobbiamo liberarci della colpa, della vergogna, della rabbia, dell’odio, delle resistenze, dell’orgoglio.

In altre parole, dobbiamo purificare la nostra mente e il nostro cuore in modo da smettere di fare resistenza al flusso dell’amore. Solo attraverso l’amore possiamo davvero prenderci cura di noi e degli altri, dimenticandoci del nostro piccolo ego per occuparci del nostro vero Sé e della nostra anima, trascendendo i limiti della nostra personalità. La paranoia dell’io, con tutte le altre paranoie collegate a esso, nasce dalla mancanza di amore. Quando non (ci) amiamo, siamo disconnessi dalla fonte della Vita, e la nostra mente diventa ossessiva e non riesce a smettere di pensare. Quando impariamo ad amarci, la mente lascia spazio al silenzio e lascia entrare l’amore e la gioia. Questo è il modo migliore per prenderti cura di te.

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato sui contenuti del Sentiero della Realizzazione.

Una risposta a “Il modo migliore per prenderti cura di te”

  1. Sei un genio, a mio modesto avviso, per anni ho cercato risposte in me, sapevo che solo li potevo trovarle, ho addirittura scritto un libro, mai pubblicato, che è uscito fuori dalle riflessioni su di me e la mia vita: reale, onirica, meditativa, introspettiva, sperimentale, animica. Leggerti mi aiuta a non sentirmi pazza e disconnessa dalla realtà, aumenta la mia autostima ed il mio credo, come pure la mia ricerca, il mio amore e la determinazione nel proseguire il cammino intrapreso molti anni or sono, ti ringrazio di cuore per mettere a disposizione gratuitamente il tuo sapere e la tua essenza, siamo simili, il tocco scientifico della tua anima mi guarisce ed infonde coraggio e fiducia in me stessa ed in quel che credo ed ho sempre sentito! Grazie❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *