La guida per smettere di giudicare

La guida per smettere di giudicare

Il giudizio è l’arma più potente dell’ego per proiettare il proprio odio e disprezzo di sé sugli altri. Tale odio di sé è frutto della scelta originaria di credere di essersi separato dall’Uno, percepita dall’ego come una colpa imperdonabile. La colpa viene proiettata sugli altri in modo da consentire all’ego di sopravvivere, nascondendo l’originario pensiero di separazione. Nasce così il giudizio. Poiché la separazione non è mai avvenuta ed è solo un’illusione, giudicare un altro significa giudicare sé stessi. Infatti, dato che non esiste separazione, gli altri non sono altro che parti dello stessa coscienza. Giudicare un altro significa puntare il dito contro sé stessi, credendo di puntarlo contro un altro. È come se puntassi il dito contro la tua immagine riflessa allo specchio. E questa non è una similitudine: accade veramente così. Oggi ti offriremo una breve guida per smettere di giudicare.

Ecco come il giudizio ti distrugge

Se giudichi la tua immagine, non certo ti esimi dalla responsabilità di ciò di cui ti accusi: se giudichi il naso storto che vedi allo specchio, non certo ti viene il dubbio di stare giudicando qualcun altro. È evidente che stai giudicando te stesso. L’immagine dello specchio non è esterna a te, quindi non puoi pensare che ricoprendo quell’immagine di insulti e giudizi potrai in qualche modo affermare che quei giudizi non ti riguardano. Dato che il giudizio aumenta la separazione, più giudichi, più ti sentirai giudicato dagli altri, solo e minacciato. Il mondo ti apparirà come un posto pieno di odio e rabbia rivolta verso di te e tu ribollirai di amarezza e acredine. Ovunque andrai, ti sentirai in pericolo, guardato da tutti, con gli occhi della gente puntati addosso per farti sentire un verme.

Vivrai in uno stato di ipervigilanza e stress. In questo modo, ti riempirai di tossine che ti faranno ammalare. Il tuo cuore si chiuderà completamente e non ti sentirai amato né sarai capace di amare. Sarai sempre sulla difensiva. Avrai sempre bisogno di giustificarti come se avessi commesso dei crimini terribili. Ti sentirai sempre in colpa e pieno di vergogna. Non ti sentirai degno di amore. Insomma, la tua vita sarà piuttosto infernale. Ecco perché ti conviene immediatamente smettere di giudicare. Il giudizio crea soltanto sofferenza dentro di te, lentamente ti distrugge su tutti i livelli.

La guida per smettere di giudicare

Ecco quali sono i passi della guida per smettere di giudicare:

  • Osserva la tua mente durante il giorno per riconoscere i giudizi che esprimi. Osserva anche come quando giudichi si verifica una contrazione dentro di te che causa sofferenza alla tua mente e al tuo corpo. Vedi nella tua esperienza diretta come giudicare un altro significa letteralmente giudicare e condannare te stesso.
  • Assumiti la responsabilità dei giudizi proiettati sugli altri. Riconosci che ogni giudizio contro qualcuno è una pietra con cui ferisci il tuo cuore, ti torturi e ti autodistruggi, quindi soltanto assumendoti la responsabilità dei giudizi puoi iniziare a smettere di giudicare.
  • Lascia andare i tuoi giudizi rimanendo presente ogni volta che li stai per formulare. Ogni volta che non giudichi accumuli energia e rimuovi un po’ di separazione e conflitto.
  • Se riesci, al posto di giudicare vedi l’innocenza della persona oggetto del giudizio. Riconosci che il giudizio viene dal tuo sentirti minacciato e vulnerabile e quindi dalla tua identificazione con il corpo. Se non fossi il corpo, non avresti nulla da temere e non percepiresti nessun male contro di te, e quindi non avresti alcun motivo di proiettare la tua rabbia, il tuo odio e il tuo disprezzo.
  • Nota come tu e la persona giudicata condividete lo stesso sistema dell’ego. Tale sistema porta a non sentirsi degni di accedere alla Fonte di Amore incondizionato e ciò spinge a richiedere l’amore e la sicurezza all’esterno. Tale richiesta di amore viene percepita come attacco e spinge a giudicare come forma di contrattacco e difesa. Quindi anche lo stesso giudizio è una richiesta di amore. Sia chi giudica, sia chi viene giudicato hanno dunque bisogno di Amore.
  • Riconosci quindi il bisogno di Amore dentro di te e sii disposto a tutto pur di aprire il tuo Cuore all’Amore incondizionato.

I miracoli che accadono quando smetti di giudicare

Se ti sforzi di non giudicare accadono dentro di te enormi trasformazioni e miracoli:

  1. Il tuo cuore si aprirà all’Amore, che andrà a guarire la tua colpa, paura e negatività e ti sentirai pieno di pace e amore per te stesso e gli altri;
  2. Non ti sentirai più giudicato o minacciato e non avrai più bisogno né di difenderti, né di giudicare. Vedrai che ciò che in passato percepivi come minaccia è soltanto una richiesta di amore e non un attacco contro di te (questa è la Visione del Cuore);
  3. La voce critica nella tua testa tacerà lasciandoti nella quiete interiore e nella pace mentale.
  4. Diventerai padrone della tua mente, poiché la tua attenzione non sarà più assorbita dal pensiero compulsivo e in modalità giudicante. 🔹
  5. Preoccupazioni, paranoie e paure ti lasceranno e potrai vivere nella serenità.
  6. Percepirai sempre più l’unità di tutti gli esseri e realizzerai che esiste un’unica Coscienza universale, poiché quando non c’è giudizio non può essere avvertita separazione.
  7. Smetterai di soffrire. Infatti la sofferenza può esistere solo nell’illusione della separazione, che è creata e mantenuta viva dal giudizio.
  8. Vivrai nella gioia e in armonia con tutto e con tutti.
  9. Riscoprirai i tuoi poteri creativi e intuitivi, non più velati dall’oscurità del giudizio.
  10. Sarai pieno di gratitudine e compassione: anziché giudicare amerai chiunque.
  11. Vedrai ovunque la Bellezza, poiché nessun giudizio ti impedirà di vedere la perfezione del Tutto.

Allora che cosa aspetti a smettere di giudicare?

Puoi approfondire qui per altri consigli su come smettere di giudicare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: