Come ricevere i doni dell’Universo

Come ricevere i doni dell'Universo

Oggi preparati a ricevere i doni dell’Universo! L’Universo ha in serbo per te dei doni straordinari. E qual è il dono più grande che ti può fare? Ovviamente è l’Amore, dal quale discendono la Pace, la Gioia, l’Abbondanza, la Salute e il Benessere. Quindi preparati a ricevere l’Amore. E qual è il modo migliore per ottenere Amore? La cosa migliore che puoi fare è DARE amore, poiché è solo amando che possiamo ricevere indietro amore. Se non diamo amore, stiamo rifiutando anche di riceverlo, poiché stiamo chiudendo il canale con la Vita. Ecco come ricevere i doni dell’Universo!

Come ricevere i doni dell’Universo

Se vuoi ricevere i doni straordinari dell’Universo, scegli allora di aprirti all’Amore. Come? Riempi il tuo cuore di gratitudine, connettiti con te stesso, offri le tue azioni a Dio e all’umanità, non attaccandoti ai risultati, fai qualcosa gratuitamente, vivi nella gioia, coltiva una mentalità di abbondanza. E soprattutto rimuovi gli ostacoli e le barriere all’Amore: lascia andare la negatività e il giudizio, perdona e liberati da vergogna, sensi di colpa e dalla credenza di non essere degno di Amore!

Ripetiti:

Io sono degno di Amore e merito abbondanza, benessere e una vita gioiosa e soddisfacente. Il mio passato non può influenzarmi, i miei sensi di colpa, la mia vergogna e le mie paure sono falsi e non possono impedirmi di accedere all’Amore. Anziché proiettare la mia negatività nel mondo, decido di scioglierla e liberarmene per sempre, cosicché l’Amore possa tornare a fluire liberamente dentro e fuori di me. E decido di condividere il mio Amore con gli altri, perdonandoli e offrendo loro la mia pace e la mia gioia. Io sono capace, nulla mi può fermare dal raggiungere i miei obiettivi, io sono completo e in grado di far fronte a ogni problema.

Rimuovere gli ostacoli all’Amore e all’Abbondanza

Se vuoi attrarre abbondanza nella tua vita, devi sintonizzarti sulle frequenze dell’Amore. Attrarre qualunque cosa diventa molto più facile o addirittura naturale quando ti senti completo, in pace con te stesso e con il mondo e quando il tuo cuore è aperto (scopri qui come aprire il tuo cuore). I tuoi desideri possono realizzarsi molto più facilmente se ti senti già completo e quindi non sei attaccato al risultato (in altre parole se non subordini la tua felicità all’esaudimento delle tue richieste). Ma soprattutto vivere sulle frequenze dell’Amore significa essersi liberati della propria vergogna, colpa, paura, del proprio senso di separazione e piccolezza e della propria indegnità.

Insomma, significa diventare individui risvegliati e con il cuore aperto. L’ostacolo principale all’Amore è il senso di colpa esistenziale, connesso alla paura della morte e del rifiuto, della dissoluzione e della punizione e al fatto di percepire se stessi come esseri mortali, vulnerabili e limitati. L’Amore è assenza di limiti e confini, quindi per accedere a esso e sperimentarlo dobbiamo smettere di sentirci dei corpi, in altre parole dobbiamo liberarci del nostro ego. In fin dei conti, è proprio l’ego l’ostacolo maggiore all’Amore, in quanto esso per definizione nasce come negazione dell’Amore e dell’assolutezza del Tutto.

Torna a vibrare sulle frequenze dell’Amore

Per tornare a vibrare sulle frequenze dell’Amore, ci sono tantissime cose che puoi fare! Vediamone insieme alcune (per ognuna troverai un collegamento a un articolo):

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!

Come attrarre salute e benessere

Come attrarre salute e benessere

Oggi scegli di attrarre salute e benessere. Sai che cosa impedisce più di tutto di avere un corpo, una mente e uno spirito sani? Scopri come in questo articolo per tornare (o iniziare) ad attrarre salute e benessere. La salute infatti non è una conquista, ma piuttosto il ripristino delle condizioni di perfetto benessere, vitalità ed equilibrio energetico di tutto il nostro essere, sul piano fisico, emotivo, mentale e spirituale. Ogni piano è interconnesso, per cui un sintomo a livello fisico indica un problema agli altri livelli. E un malessere emotivo indica una disconnessione spirituale e un problema di gestione della mente. Come tornare a sprizzare salute da tutti i pori, senza malanni, senza acciacchi, senza disagi o malesseri? Come tornare a sentire l’energia vitale scorrere liberamente e senza sforzo?

La causa spirituale della mancanza di salute

Mancanza di salute significa solamente una cosa: mancanza di amore. Quando c’è un qualsiasi problema, un malfunzionamento, un malessere, puoi stare certo che la causa profonda e originaria è spirituale. In altre parole, c’è un disallineamento tra te e il tuo vero Sé, c’è una mancanza di consapevolezza e di amore. Insomma, stai tenendo dentro qualcosa di sbagliato. Bada bene: non sto dicendo che ci sia qualcosa di sbagliato in te, perché ognuno è perfetto e tu non fai eccezione. Tuttavia, è anche vero che ognuno di noi non è, se non in rari casi, un santo, per cui spiritualmente c’è sempre qualcosa che si può correggere e migliorare. E riallineandoci alla Verità dell’Amore, possiamo tornare ad attrarre anche salute e benessere.

Ma che cos’è esattamente che impedisce di avere una salute di ferro e quel benessere delizioso, quel senso di armoniosità interiore ed esterna che tutti cerchiamo? La risposta è: il carico di colpa inconscia che portiamo dentro di noi, sia quella che interiorizziamo sotto forma di sensi di colpa, depressione, vergogna, apatia, paura, sia quella che proiettiamo all’esterno sotto forma di giudizio, rabbia, rancore, odio e disprezzo. La colpa è come una patata bollente: più la tieni dentro di te, più ti brucia e ti distrugge. Spesso pensiamo di potercene liberare proiettandola all’esterno. Ma in realtà proiettare la colpa (sotto forma di rabbia, accusa e giudizio) è come pensare di lanciare addosso a qualcuno la nostra patata bollente, dimenticando che essa è incollata nelle nostre mani.

Come attrarre salute e benessere

Insomma, la colpa rimane dentro di noi sia che la proiettiamo, sia che la neghiamo facendo finta che non ci sia o semplicemente dimenticandoci di essa. Così la colpa genera pensieri ed emozioni negative, che saturano il nostro essere di tossine. Le emozioni e i pensieri generati dalla colpa vanno a inquinare tutto il tuo essere, debilitandolo e rendendolo fragile e incline a sviluppare malattie, disturbi fisici ed energetici, malanni, malesseri emotivi, agonia e tormento mentale, sofferenza spirituale. A questo punto, avrai capito già che per attrarre salute e benessere devi assolutamente liberarti della colpa. E come liberarti della colpa? In questo articolo ti spiego esattamente come.

Quindi decidi di smettere di nutrire la colpa e la negatività dentro e fuori di te. E, come arma terapeutica, scegli il perdono, la pace e l’amore. Il perdono detossifica l’intero essere, per cui lo stesso corpo fisico ne beneficerà enormemente. La malattia è sempre l’effetto di una decisione inconscia di mantenere la colpa e la negatività dentro di sé. Nessuno può dire di scegliere una malattia consapevolmente, ma può stare certo che i pensieri che pensa e le emozioni che prova sono direttamente in relazione con la salute dell’intero essere. A livello della forma, magari la malattia sembra causa da un virus o da un batterio, ma ci siamo mai chiesti quale sia la ragione per cui il nostro organismo consente che il virus causi la malattia? Dopotutto, la malattia non è una proprietà del virus, ma una risposta del nostro organismo.

Coltiva uno spazio interiore sano e salutare

E chi è padrone delle risposte dell’organismo? Ovviamente noi. Solitamente non siamo così potenti da scegliere consapevolmente una malattia o guarire da essa, e questo non è nemmeno il nostro obiettivo. Piuttosto, è il nostro inconscio a selezionare le risposte. E l’inconscio risponde secondo ciò che trova dentro di sé! Se dentro di noi c’è un enorme carico di colpa e negatività, è praticamente ovvio che non potremo sprizzare salute da tutti i pori! Quindi diventa responsabile dei tuoi pensieri e delle tue emozioni: scegli di coltivare uno spazio interiore sano e salutare, dove la negatività non può entrare e le tossine non possono avere alcun effetto. In questo modo inizierai ad attirare naturalmente salute e benessere, pace e armonia, amore e abbondanza.

Ripetiti:

La salute dipende soltanto da me: nulla me la può dare o togliere. Creo un ambiente pulito dentro di me, mi libero dalle tossine dei pensieri e delle emozioni negative, lascio andare il carico di colpa e di giudizio contro me stesso e i miei fratelli e scelgo la pace e il perdono per iniziare ad attrarre salute e benessere e per vivere nella gioia e nell’amore.

Ossessionarti ti impedisce di attrarre salute e benessere

C’è un’altra cosa che bisogna dire: la salute dipende dall’Amore, è un dono di Dio. Quindi non ha senso ossessionarsi con essa. Anzi, per certi versi è addirittura presuntuoso. Infatti presuppone che sia il nostro ego a decidere la dieta perfetta o l’attività fisica migliore per stare bene. Non dico di non prendersi cura di sé secondo le modalità del mondo: anzi, ciò può essere la cosa più amorevole da fare. Tuttavia, spesso la salute diventa una questione ossessiva, e ciò dipende in gran parte dal nostro attaccamento al corpo. E l’ossessività e l’attaccamento al corpo sono uno dei simboli più importanti della disconnessione spirituale! E quindi anziché migliorare la salute, rischiamo di peggiorarla prendendoci eccessivamente cura di noi stessi.

Inoltre, l’ossessività fa diventare la vita un inferno, e ciò sicuramente fa ammalare molto di più delle tossine dei cibi o dell’inquinamento nell’aria. Ricorda che il potere è sempre tuo: sei tu a dare il potere o meno all’esterno. Quindi, lascia andare tutte le credenze in base alle quali un virus, un alimento, una tossina sia in grado di farti del male. Ad avere il potere è sempre e solo la tua mente: sta a te scegliere se continuare a cedere questo potere al mondo, rimanendone vittima, oppure riappropriartene, diventando padrone di te stesso e responsabile al 100% della tua vita. Smetti di preoccuparti e sii tu ad attrarre salute e benessere!

E ricorda sempre: l’amore è la medicina più potente!

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!

Come vivere in pace

Come vivere in pace

Come vivere in pace? Qual è il modo più semplice per trovare la pace dentro di sé e soprattutto mantenerla nel tempo? Si può vivere in uno spazio interiore sereno, pulito, puro, gioioso e amorevole? Quella della pace è una vera e propria emergenza mondiale, non solo perché ancora oggi il mondo è dilaniato da guerre e conflitti, ma anche (e forse soprattutto) perché la pace non è nei nostri cuori. E se la pace non è dentro di noi, come possiamo pretendere che esista all’esterno? Come possiamo anche solo lamentarci della guerra?

“L’elemento decisivo per portare la pace nel mondo sono i nostri comportamenti di tutti i giorni”

Jiddu Krishnamurti

Solo se saremo pace potremo portare la pace nel mondo, non in base a ciò che facciamo, ma in base a ciò che siamo. La pace è una qualità della coscienza, che si espande in base a quanto è presente dentro di noi. Penso che sia inutile marciare per la pace o fare manifestazioni contro la guerra se dentro di noi ci sono fiumi di rancori, odio, disprezzo, vergogna, paura. Ma a questo punto come si può vivere ed essere sempre in pace, in un mondo che sembra sempre in guerra, avvolto dalle nubi dello stress e della frenesia?

Come vivere in pace

Vivere in pace significa essere in totale armonia con se stessi e con il mondo. Il primo passo per vivere in pace è stabilire un’intenzione forte e volere la pace con tutto il cuore. Ovviamente, non si può essere in pace con se stessi se non si è in pace con gli altri, quindi non pensare che sia possibile creare un falso stato di solitudine rilassata che escluda gli altri! La pace è possibile quando la nostra mente non è turbata da rancori e dentro di noi ci sono amore e una forte tendenza al perdono. Infatti la tua pace è quella dei tuoi fratelli. Ciò non significa che debba essere un’esperienza necessariamente condivisa fisicamente. Ma è un’esperienza condivisa mentalmente e col cuore. In altre parole, quando pensi a qualcuno, devi essere disposto, almeno teoricamente, a condividere la pace con lui.

Quindi per prima cosa devi volere una pace non esclusiva, che abbracci tutto e tutti e che sia completa e perfetta. Sì, cavolo, ma io voglio solo un po’ di relax e calma! Sai qual è il problema? E’ davvero difficile avere anche solo qualche istante di relax solo per se stessi, perché l’ego non può garantire pace. Anzi, ti dirò di più: l’ego è proprio la ragione per cui non siamo in pace. E non è colpa dell’ego, ma del nostro attaccamento a esso e della nostra tendenza a preferire le sue illusioni di falsa felicità e di vittimismo alla vera pace. Quindi, potrebbe esserti utile leggere il mio articolo su come liberarti dall’ego.

Più ego abbiamo, più è difficile sentirci in pace, perché la pace è la nostra natura, è una qualità del nostro spirito e sarà molto complicato sperimentare la nostra vera natura gioiosa se saremo sempre assorbiti dal nostro ego.

Elimina la guerra dal tuo cuore

Quindi, il secondo passo per vivere in pace è proprio quello di liberarsi dal proprio ego. Ciò implica confrontarsi con la propria eredità animale e i suoi impulsi, le sue paure e le sue ombre. Per vivere in pace, insomma, devi liberarti della guerra dentro di te. Potrebbe esserti utile quest’altro articolo su come purificare il tuo cuore dalla negatività. In breve, devi eliminare tutto ciò che non è pace: i rancori, le resistenze a perdonare, l’odio, il disprezzo, la paura, il sentirti minacciato, la colpa e la vergogna. Devi riscoprire la tua essenza immortale e invulnerabile. Finché ti identificherai con un corpo sarà piuttosto difficile essere in pace, perché l’identificazione con il corpo implica la necessità di quei meccanismi di sopravvivenza che vogliamo eliminare!

Per essere in pace, devi smettere di identificarti con l’animale che è in te e tornare a essere anima spirituale! Come si può vivere in pace se si è sempre torturati e tormentati dagli impulsi animali, se ci si sente sempre in pericolo, se dentro di sé cova sempre rabbia e paura? Puoi comprendere facilmente che è molto difficile! Il problema però è che troppo spesso cerchiamo come essere in pace dimenticandoci chi pone questa domanda? La nostra anima o il nostro ego? Se è il nostro ego, esso chiede semplicemente sollievo dallo stress. La nostra anima chiede invece di tornare alla sua pace perpetua e indistruttibile!

Scegli di vivere in pace a tutti i costi

In ogni caso, se vuoi davvero essere in pace con tutto il tuo essere, ci riuscirai. Infatti un proposito interiore forte ti predispone a una dedizione profonda e ti spinge a lottare per eliminare la guerra dal tuo cuore e scegliere sempre la pace. L’intenzione inoltre fa emergere alla tua consapevolezza tutte le barriere alla pace e ti costringerà a scegliere se lasciare in piedi quelle barriere oppure disfarti di esse. Ad esempio, se scegli di essere in pace a partire da domani, il risveglio mattutino potrebbe essere subito una sfida: la mente potrebbe convincerti che ti sei svegliato di malumore e che sarà una giornataccia, ma tu dovrai essere coerente con la tua intenzione.

Ciò non significa che debba manipolare il tuo comportamento ed essere felice se non lo sei. Ma almeno dovrai osservare i tuoi meccanismi (che è il presupposto per uscire dalla meccanicità e dall’addormentamento!) e rimanere presente. La tua presenza creerà col tempo un distacco dal tuo ego e man mano la tua libertà e il tuo potere aumenteranno. Se vorrai davvero essere in pace e sarai completamente convinto di ciò, nulla potrà fermarti. Se ogni mattina ti alzi con il proposito di mantenere la pace a tutti i costi, la tua intenzione diventerà così potente da diventare sempre più reale! Quindi scegli la pace e perseguila con tutte le tue energie!

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!

Come ritrovare te stesso

Come ritrovare te stesso

A te che ti senti perduto, disconnesso, solo, abbandonato, o magari solamente incerto, confuso, preoccupato, o magari depresso e avvolto da un malessere apparentemente senza senso, ti invito a ritrovare a te stesso. Puoi stare certo che ogni problema deriva da una disconnessione, da un disallineamento spirituale, da una mancanza di sintonizzazione con il proprio vero sé. Ogni malessere, ogni difficoltà, ogni disagio è sintomo di una mancanza di amore. Non dell’amore del mondo, ma dell’Amore con la A maiuscola, cioè l’Amore che è sempre dentro di te. Tu infatti sei l’Amore che cerchi, sei la felicità, sei la gioia. E quindi solo riconnettendoti con te stesso puoi riscoprire quel tesoro di pace e di amore che riempirà il tuo cuore e ti farà sentire completo, al sicuro e nella gioia. Ecco come ritrovare te stesso.

Risintonizzarsi con se stessi, riscoprirsi, conoscere la propria essenza: questo è l’obiettivo di tutta la spiritualità. Spesso rimaniamo colpiti e affascinati dalle clamorose esperienze mistiche, dagli elevati stati di coscienza dei grandi maestri spirituali. E così finiamo per dimenticare che la grandiosa illuminazione, lo straordinario risveglio non è altro che un ritorno a sé, o meglio, al Sé. Perché sì, tutti condividiamo lo stesso Sé, che è sia personale che impersonale, sei tu ma è anche molto più profondo di te. Il risveglio quindi non è che l’esperienza più intima. Significa sentirsi a casa, tornare a sé stessi, riscoprire il nucleo essenziale della propria anima. Certo, ci sono livelli diversi di comprensione e realizzazione del Sé, ma ciò non toglie che puoi iniziare a riconnetterti a esso proprio adesso e tornare rapidamente alla tua dimora sicura.

Come ritrovare te stesso

Non aspettare nulla prima di ritrovare te stesso: questo è il tuo unico obiettivo, lo scopo che tutti noi condividiamo. Ogni essere umano è qui per tornare all’essenza spirituale e divina, per tornare a essere un’entità completa. Se senti malessere, angoscia, ansia, depressione, semplicemente ti mancano l’amore e la pace del tuo Sé, ti sei scordato che c’è qualcosa di molto più profondo rispetto a questa vita così strana e superficiale. Ma dimenticare non è una colpa. Per di più, puoi ritornare a te stesso ogni volta che vuoi. Che cosa devi fare? Siamo così disconnessi da noi stessi che davvero non sappiamo come riscoprire il nostro vero Sé e addirittura consideriamo che riconnettersi a se stessi sia un’impresa sovrumana, destinata a pochi individui, ai guru illuminati che si contano sulle dita di una mano.

Ma non è così, né dev’esserlo. Infatti il tempo per ritrovare te stesso è uno schiocco di dita. Anzi, puoi ritrovare te stesso solo Adesso, fuori dal tempo, perché tu sei fuori dal tempo, e puoi intuire la tua essenza eterna solo ora. Anche qui, purtroppo, in pochi riescono a farlo, perché la percezione del sé è così sottile, anzi non può essere afferrata con la mente, e la nostra mente è così abituata a ricercare, a volere, a desiderare e a cercare di comprendere, di fare esperienza e di toccare che finiamo per aumentare solamente i nostri dubbi. In tal modo, l’esperienza del Sé appare come vuota, è definita semplicemente come “sensazione di esistere”, come “pura consapevolezza”. E in effetti è così, il Sé è nulla, è vuoto, è pura coscienza. Ma in questo vuoto c’è Tutto, e questo per la mente è inconcepibile.

Tu sei completo e perfetto proprio ora

Così, piuttosto che cercare la pienezza nel vuoto, cerchiamo di riempire un altro senso di vuoto, che non esiste, che è un’invenzione della mente. Per la mente la tua essenza più intima è noiosa, insoddisfacente, o perlomeno essa pensa che sia così. La mente è fatta per sopravvivere, non per vivere, è fatta per cercare, non per trovare, è fatta per perpetuare se stessa, non per annullarsi nella pace e nella beatitudine. Ma tu non devi cascare nelle illusioni della mente. Se riesci a liberarti per un solo momento di tutti i giochi e gli inganni della mente, puoi scoprire te stesso, la pace e l’Amore in questo preciso momento.

Basta che faccia un attimo di silenzio, che faccia piazza pulita dei tuoi pensieri e che porti tutta la tua attenzione sul momento presente, entrando in profondità dentro di te, in quella sottile consapevolezza di essere, così misteriosa e sacra, insondabile e miracolosa. Puoi farlo. Puoi avere almeno una rapida visione di ciò che sei. La tradizione dell’Advaita Vedanta insegna a “rimanere come io sono”, cioè a rimanere connessi con quella sensazione di esistere in meditazione e anche durante la giornata, riconducendo a essa tutti i pensieri e le distrazioni. Perché in effetti ritrovare se stessi è semplice. Anche perché non c’è nulla da ritrovare. Infatti tu sei sempre, il tuo Sé è sempre lì, è sempre nel tuo cuore!

Abbandonati a te stesso

Abbandonati completamente al momento presente. Fatti guidare dalla tua fiamma di devozione e fatti condurre in profondità dentro di te. Riscopri quel silenzio sacro e incommensurabile, quella pace così sottile e allo stesso tempo intensa, quel profumo di amore e di gioia che giace nel profondo del tuo cuore ed è tutto ciò che sei. Se sei davvero intenzionato a riscoprire il tuo tesoro interiore, esso emergerà naturalmente, perché non aspetta altro che di essere riscoperto! Non devi fare altro che desiderare ardentemente di tornare a te stesso e di radicarti nuovamente nel tuo cuore!

Se stai leggendo questo articolo sicuramente il tuo cuore ti sta già chiamando a sé! Quindi sicuramente non devi rimuovere chissà quali strati di negatività e illusioni! In ogni caso, non aver paura di rimuovere quegli strati, di scavare dentro di te oltre la superficie. In superficie l’ego e la tua identità di forma sembrano farla da padrona. Ma in profondità nulla può disturbare la pace del tuo Essere! In questo articolo puoi trovare indicazioni su come riscoprire la tua vera natura.

Parla al tuo cuore per ritrovare te stesso

Parla al tuo cuore, pregalo, rivolgiti a lui come se fosse un(‘)amante o il tuo migliore amico. Non creare separazione quando fai ciò. Ricorda che stai parlando alla tua stessa essenza. Se crei una connessione profonda a livello verbale, un dialogo amichevole e intriso di passione, puoi rapidamente tornare alla tua fonte. Dopodiché ringrazia, offri te stesso, ama, sii nella gioia, ridi, sii spensierato. Fatti guidare dall’amore, sviluppa un atteggiamento dolce e gentile con tutti. Accettati e lasciati condurre dal tuo cuore. Decidi tu come ritrovare te stesso, creativamente e appassionatamente.

Ricorda che non c’è nulla di meccanico nel riscoprire te stesso. Non serve a nulla meditare ventiquattr’ore su ventiquattro se non si ha veramente l’intenzione di ritrovarsi e se si nutrono false aspettative e si annega nel mare delle illusioni. Nessuna tecnica garantisce nulla. La meccanicità, la ripetizione, lo sforzo fanno parte dell’ego e lo alimentano anziché estinguerlo. Non puoi liberarti del tuo ego meccanicamente. Al contrario, liberando la tua energia creativa puoi ritrovare facilmente te stesso, affidandoti alla passione e all’intenzione invece che al sacrificio e alla forza di volontà, all’ossessività e alla durezza. Infine, puoi cominciare a essere semplicemente te stesso, oltre le maschere e le bugie, oltre l’ipocrisia e le illusioni.

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!

Vivi spensieratamente

Vivi spensieratamente

Vivi spensieratamente: non c’è nulla di serio in questa vita. Sentiti libero, sii spontaneo, sii semplicemente te stesso. Non ci sono obblighi, non ci sono prigioni, non ci sono regole. La vita è un gioco e sei tu a decidere le regole del gioco. Non ci sono problemi, tutto è un’illusione. Risvegliati dal sogno della vita per accedere al tuo massimo potenziale e a quello dell’Universo. Solamente l’addormentamento e la credenza nell’illusione causano sofferenza. Liberati dalle illusioni dell’ego. Smetti di credere nella separazione e nell’identità che ti hanno appioppato addosso e che tu stesso ti sei cucito sopra. Non devi proteggere nulla, non devi difenderti da paure o minacce, perché esse non esistono in realtà, come non esiste il sé che pensi di dover difendere.

Ciò che sei è indistruttibile, immortale, invulnerabile, quindi smetti di ostinarti a sentirti piccolo, separato e mortale. Non preoccuparti per te stesso, non farti assillare dai tuoi bisogni e desideri, perché puoi accedere a qualcosa di molto più grande e prezioso. Dimenticati del tuo piccolo io e semplicemente sii, semplicemente vivi. Vediti tutt’uno con la Vita. Non c’è separazione tra te e l’Universo, quindi non puoi morire e non può mai accaderti nulla di male, perché l’essenza di Tutto è eterna e divina e non può conoscere la sofferenza. La sofferenza è un’illusione: non negare il dolore nella tua vita finché lo senti reale, ma almeno non prenderlo sul serio. Ricordati che stai solamente sognando, che il mondo è solo un’allucinazione e che non c’è nulla di serio. E vivi spensieratamente.

Vivi spensieratamente: questa è la chiave per essere nella gioia

Vivi spensieratamente e sarai nella gioia! La chiave per una vita felice e santa, vissuta nell’amore e nell’estasi è non prendere nulla sul serio, ricordare che tutto è un sogno e che alla fine ogni cosa è destinata a finire. Tra una manciata di anni (non importa quanti!) morirai: che senso ha ostinarti ad attaccarti a ciò che finirà così presto? Cerca ciò che è immortale e indistruttibile, persegui la Verità. Non sei qui per essere schiavo del mondo e del tuo finto sé. Non sei qui per perderti nei meandri della vita. O meglio, anche questo fa parte della vita. Ma arriva un momento in cui la voce di Dio ti richiama al risveglio! E questa potrebbe essere l’occasione giusta. Dopotutto, perché stai leggendo questo articolo? Che cosa ti ha spinto qui?

Non prendere nulla sul serio! Certamente il tuo ego non può farlo al posto tuo. L’ego è il personaggio del sogno, quindi lui è sveglio e deve sopravvivere! Sei tu che devi capire che non hai nulla a che fare con lui! Smetti di identificarti con il personaggio del sogno e di credere alle sue baggianate! Tu sei fatto di puro spirito, pura consapevolezza, non sei un corpo, non sei una bestia, non sei nemmeno un umano! Sei molto di più di tutto questo, immortale e grandioso, infinito e divino. Riscopri la tua natura. E soprattutto ricordati di ridere. Ricordati di ridere quando tutto sembra diventare grigio e serio, ricordati di ridere nel piacere e nel dolore, nel mezzo della sofferenza e della gioia. Sii ridente e gioioso senza motivo!

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!

Il tuo cuore è la tua guida

Il tuo cuore è la tua guida

Il tuo cuore è la tua guida! Se sei un percorso spirituale e ti senti bloccato in qualche punto oppure non hai ancora iniziato un percorso e sei indeciso sul da farsi, questo articolo potrebbe fare per te. Potrebbe darsi che sei troppo duro con te stesso. Forse ti aspetti troppo da te. E forse stai complicando la tua vita, perché il tuo ego potrebbe essersi intrufolato con la sua logica difficile e astrusa. Vorrei ricordarti che la spiritualità è una cosa semplice. Diventa un processo arduo perché dentro di noi siamo pieni di barriere e resistenze e noi stessi siamo un tantino complicati. Eppure non c’è bisogno di portarsi appresso questo carico di ossessività, nevrosi, complicazioni. Puoi semplificare il tuo percorso da subito.

Quando ti perdi nella selva dei principi spirituali, dei vari percorsi, o anche solo nell’intrico dei tuoi problemi personali, ricorda che c’è un modo per tirarti fuori dal dubbio, dall’incertezza e dalla confusione, da quel senso di opprimente soffocamento e imprigionamento. Non devi fare altro che tornare al tuo cuore. Infatti esso è l’unica guida. Tutti gli insegnamenti spirituali si riferiscono al cuore. Alcuni lo chiamano il vero Sé, anima, spirito… Non importa quale sia il nome che gli viene dato. L’unica cosa che devi sapere è che esso è la tua vera essenza, ciò che sei veramente oltre il corpo e la mente.

Il tuo cuore è la tua unica guida

Quando sei indeciso su quale percorso seguire oppure senti che non stai più progredendo, fermati un momento. E ricordati che non devi seguire nessuno, nessun maestro, nessuna religione, nessun “percorso”. I maestri e i percorsi sono solamente dei mezzi che indicano una sola Verità. Ma nessuno possiede quella Verità. Essa infatti è dentro di te e solo tu hai le “chiavi” per accedervi. Quindi quando sei indeciso, incerto, confuso, oppresso, disperato, torna a te stesso. Dentro di te c’è quella fonte di amore e di pace che cerchi. Non devi cercarla: essa è sempre lì. Devi solamente fare un attimo di silenzio, prendere un bel respiro e dimenticare per un attimo tutti i problemi e le difficoltà. E allora puoi connetterti con il tuo cuore.

Il tuo cuore è la tua guida, il tuo unico punto di riferimento. Segui solamente il tuo cuore. Sarà il cuore a dirti quale percorso eventualmente seguire o addirittura se seguire più percorsi insieme o se non seguirne nessuno, per seguire semplicemente se stesso. In fondo, infatti, qualunque percorso tu scelga, devi tornare a te stesso! Certo, potresti dirmi, ma come faccio a seguire il mio cuore se tornare al mio cuore è solo l’obiettivo finale del percorso? In parte hai ragione, ma è anche vero che il semplice fatto che stia leggendo questo articolo significa che il tuo cuore ti sta già chiamando per tornare da lui. Quindi stai già seguendo il tuo cuore. L’unica cosa che puoi fare in più è stare attento ai suoi messaggi, ascoltare la sua voce silenziosa.

Il desiderio di tornare al tuo cuore

Non ti posso dare torto se pensi che sia difficile tornare al proprio cuore. Dopotutto siamo stati tutti pesantemente condizionati e ci siamo disconnessi dal nostro vero Sé. Ma ti dico una cosa: è sufficiente che tu desideri con un po’ di intensità di tornare al tuo cuore e ciò basterà per aprirti un mare di infinite possibilità. Spesso sottovalutiamo il potere dell’intenzione. Ma in realtà l’intenzione è proprio il punto di partenza di ogni cosa, soprattutto di un percorso spirituale. Quindi non devi fare altro che sviluppare questa benedetta intenzione di tornare al tuo cuore! Affidati a lui, fatti guidare dalla sua saggezza. Non preoccuparti di nient’altro. Viviamo in un mondo troppo complicato per doverci complicare ulteriormente la vita anche con la spiritualità, che dovrebbe essere proprio il modo per semplificarcela!

E allora semplifichiamoci la vita! Che cosa ti dice il tuo cuore? Come puoi “illuminarti”? Come puoi “risvegliarti”? Il tuo cuore sa bene che è solo tornando a lui che puoi fare ciò. Inoltre ti suggerisce di riempirti di amore, di pace e di gioia. Ti dice di lasciar andare a lui i tuoi problemi e le tue percezioni, i tuoi giudizi e interpretazioni. Ti invita ad arrenderti totalmente alla Verità, liberandoti delle illusioni e del gravame dell’ego. Non chiede nient’altro da te! Poi, puoi seguire un certo percorso, un certo maestro, una certa via, ma in fondo il tuo cuore rimane sempre la tua guida. Se non è così, sarà il tuo ego a consigliarti che cosa fare, e ciò non è affatto la cosa migliore per te!

Segui il cuore e non l’ego

Segui il cuore e la sua presenza di amore e di pace. La voce dell’ego è molto più fastidiosa, spesso ingannevole. Quindi chiediti sempre se stai facendo qualsiasi cosa in nome dell’amore o per seguire dei bisogni personali. E il problema è che solitamente è la sofferenza dell’ego a spingerci su un percorso spirituale. Ciò da un lato è ottimo, ma dall’altro dobbiamo stare attenti a chiederci la ragione per cui stiamo seguendo un percorso. Se la ragione è egoica, come migliorare la nostra vita personale o semplicemente alleviare la nostra sofferenza per poi tornare a vivere secondo i nostri interessi, ciò non è di per sé un problema, ma lo diventa nel momento in cui ci facciamo guidare esclusivamente da questa motivazione.

Se anche partiamo da una motivazione egoica, prima o poi ci rendiamo conto che essere spirituali significa lasciar andare il nostro ego e quindi anche quelle motivazioni e quei bisogni speciali e personali… E quindi dovremo decidere se continuare il percorso lasciando andare il nostro ego oppure fermarci per seguire la nostra vita di sempre. E sarà allora che potremo scegliere davvero tra cuore ed ego. Ma puoi scegliere anche ora: non devi aspettare niente. Segui il tuo cuore, e cioè inizia o continua il tuo percorso spirituale per amore della Verità, lasciando andare tutte le altre motivazioni. E vedrai che ne beneficerai davvero. Infatti potresti essere bloccato a un punto del percorso perché una parte di te non vuole proseguire! Quindi non devi fare altro che essere onesto con te stesso e far emergere questa parte per lasciarla andare.

Il tuo cuore è la tua amorevole guida

Quando il percorso spirituale diventa troppo complicato e addirittura angosciante, potrebbe darsi che il tuo ego si sia intrufolato da qualche parte, come è normale che succeda! Ma non temere: puoi sempre scegliere di tornare al tuo cuore. I segni che l’ego sta “facendo il percorso insieme a te” sono semplici da riconoscere: aumenta notevolmente la tensione, senti un senso di oppressione e viene a mancare la dolcezza dell’amore e della pace, la spiritualità diventa un ossessione anziché un aiuto, sei portato a usare i principi spirituali per soddisfare i tuoi bisogni e desideri personali, non sei più motivato a proseguire il tuo percorso. Ciò accade perché troppo spesso seguiamo un percorso, un maestro, delle pratiche, ma dimentichiamo di seguire il nostro cuore.

Dimentichiamo che l’obiettivo fondamentale del corso è tornare a noi stessi! E in questo modo ciò che dovrebbe condurci in paradiso ci riconduce all’inferno. Ma fortunatamente possiamo tranquillamente, in ogni momento, scegliere di nuovo. Possiamo fermarci un attimo e decidere di seguire il nostro cuore, ricordando che è esso la nostra guida, il nostro obiettivo e la nostra casa. Il tuo cuore è la tua amorevole guida. Se quindi sei confuso mentre sei sul tuo percorso spirituale, torna al tuo cuore e affidati a lui. E anche se non hai le idee chiare su che cosa fare della tua vita, se iniziare un certo percorso oppure un altro, se sei incerto e nel caos, torna al tuo cuore e affidati a lui.

Lascia andare i tuoi blocchi

Se seguirai intensamente il tuo cuore, i tuoi dubbi verranno dissipati e i tuoi blocchi eliminati. Infatti i dubbi e i blocchi nascono solo nella mente, sono frutto dell’ego. Seguendo la voce del tuo cuore, potrai stare certo che tutto verrà risolto. Non cercare di risolvere da solo i tuoi problemi. Non puoi sciogliere i tuoi dubbi affidandoti alla mente che li ha creati. Essa è fatta per creare problemi e per cercare infinite soluzioni, ma non per trovarle. Quindi non pensare di poter trovare soluzioni all’esterno. Non ci sarà nessun maestro o percorso che potrà sciogliere i tuoi dubbi. Dovrai prima rivolgerti al tuo cuore, fare un po’ di silenzio, rilassarti, abbandonarti. Ricorda che ogni blocco è falso e ogni dubbio è fasullo.

Puoi lasciar andare i tuoi dubbi senza pericolo. La Verità è dentro di te e nessuno può toglierti il diritto di accedere a essa o arrogarsi la prerogativa di offrirtela. Quindi smetti di complicarti la vita e affidati solamente al tuo cuore. Le soluzioni ai tuoi problemi non sono su internet, su un libro, nella testa di un guru, ma sono unicamente nel tuo cuore. Quindi che cosa aspetti a tornare a lui? Hai ancora dubbi su come fare? Nel caso, potrei aiutarti con alcuni articoli del mio blog che ti linko qui sotto. Ma ricorda: l’unica tua guida è il tuo cuore!

Ascolta il tuo cuore

Torna al tuo cuore

Apri il tuo cuore