Ritorna al tuo cuore

Ritorna al tuo cuore: esso ti aspetta a braccia aperte. Lì puoi trovare rimedio a tutte le tue ansie, alle tue angosce e ai tuoi problemi. È un rifugio caldo e sicuro, pieno di pace e di amore. Smetti di cercare consolazione nel mondo: nessuno può offrirtela. Solo tornando a te stesso puoi trovarla. Il tuo cuore è l’unico posto che hai sempre cercato, pur non sapendolo. Da quando l’hai smarrito, da quanto ti sei disconnesso da esso, è nata la sofferenza. Hai cercato a lungo un rimedio a quel senso di vuoto esistenziale, quell’insoddisfazione perenne, quella continua tensione di sottofondo. Hai fatto finta che non ci fosse, hai provato a ignorarla, a coprirla di falsi sorrisi. E hai proiettato il tuo vuoto all’esterno, magari accusando qualcuno o qualcosa. Hai nascosto l’insoddisfazione in mezzo a mille distrazioni, persone, attività, faccende.

Ma nulla ha placato davvero quel senso di vuoto. C’è sempre qualcosa nel profondo che non va, anche se non sei depresso, ansioso o stressato. Stai male senza conoscerne il motivo. In realtà sai benissimo la ragione per cui continui a essere insoddisfatto o a sentire un senso di mancanza, talvolta lieve e leggero, altre volte intenso e forte. Hai dimenticato il motivo, ma se guardi in fondo dentro di te puoi ricordarlo: hai abbandonato il tuo cuore. Pensavi che così facendo avresti potuto sperimentare la bellezza del mondo, dell’essere speciale, di avere un’individualità che ti desse potere. Non è stato un errore: hai fatto ciò che sentivi fosse la cosa migliore. Hai costruito un ego, e questo è stato evolutivo. Ora, però, hai capito che è tempo di tornare a casa. Se queste parole risuonano dentro di te, colpiscono qualcosa nel profondo, significa che sei pronto per il “viaggio” di ritorno.

Ritorna al tuo cuore

Il tuo viaggio è stato lungo e doloroso, ma allo stesso tempo unico e meraviglioso. Ma si è fatto tardi: è ora di fare ritorno nel tuo cuore. Ritorna al tuo cuore: lì ti aspetta la pace, la gioia e la libertà. Non ricordi qual è la strada per tornare? Non importa: troverai le indicazioni. Anche se ti sembra di non rammentare più il percorso, se cerchi bene dentro di te puoi ritrovare la strada. Dunque, riconnettiti con te stesso. Fai tacere almeno per qualche istante quel brusio nella tua testa e inizia ad ascoltare la voce del tuo cuore. Se ti fidi di lui, non dovrai seguire nessun maestro, nessuna scorciatoia, nessun metodo. Troverai la strada diretta che ti ricondurrà a casa.

A dire il vero, infatti, tu non ti sei mai allontanato dal tuo cuore, poiché esso è sempre lì, dentro di te, e non dista nemmeno un millimetro da dove ti trovi ora. Quindi, più che fare ritorno al tuo cuore, devi voltarti nuovamente verso di lui, ristabilire la “connessione” che è andata apparentemente perduta. Hai seguito per troppo tempo la mente, ti sei fatto sedurre dai suoi sogni, e sei rimasto ipnotizzato dal suo fascino. Ma questa ipnosi non è permanente: puoi svegliarti e tornare in te stesso, nel tuo cuore, quando vuoi. Se stai leggendo questo articolo, significa che non sei più completamente ipnotizzato e che hai già cominciato a risvegliarti. Che cosa devi fare allora per svegliarti definitivamente? Fatti condurre dal tuo cuore. Non fare domande. Non “cercare” la via per il ritorno a casa: non c’è nulla da trovare.

Smetti di essere chi non sei

Affidati in silenzio al tuo cuore, senza richieste, senza pensieri, senza dubbi. È sufficiente questo per riconnetterti alla profondità del tuo Essere. Che senso ha sviluppare metodi complicati per raggiungere qualcosa che è sempre qui, ora, eterno, vivo? Non puoi avvicinarti al tuo cuore più di quanto non sia vicino ora, e non puoi nemmeno allontanartene. Il tuo cuore è il tuo vero Sé, sei tu! Quindi che senso ha cercare di avvicinarsi a te stesso? Tu puoi solo affidarti a te stesso, essere te stesso, abbandonarti a te stesso. Per farlo, devi smettere di essere chi non sei, smettere di identificarti con una storia, un’identità anagrafica, delle immagini. Tutte queste cose sono dei concetti, delle creazioni della mente, e in definitiva delle illusioni. È solamente lo sforzo di non essere te stesso a farti soffrire e a tenerti lontano dal vero Sé.

È ovvio che non potrai tornare a te stesso se ogni volta che il tuo cuore ti parla, tu gli volti le spalle. Quand’è che gli volti le spalle? Ogni volta che scegli l’ego, la separazione, il conflitto, o semplicemente credi alla tua storia, ai tuoi pensieri e alimenti l’identità separata che credi di essere. C’è bisogno di pensare, di preoccuparsi, di arrabbiarsi, di investire tutto il tempo e tutta l’energia per una personalità che ha solo una manciata di anni da vivere? La vita di ognuno di noi dura davvero un batter d’occhio: che senso ha ossessionarci così tanto per qualcosa che dura così poco? Dev’esserci qualcosa di più profondo… Riscopri quel “qualcosa di più profondo”, quella dimensione trascendente dentro di te. Almeno conserva qualche energia a questo scopo: non farti assorbire totalmente dai bisogni della personalità.

Rimani connesso alla tua sensazione di esistere

Lascia almeno una parte della tua attenzione su quel senso indistruttibile di esistere, che è il tuo cuore, il tuo vero Sé. È sufficiente che faccia questo per risvegliarti, per tornare a essere chi sei veramente. Non hai bisogno di altro. Come hai dedicato tutta la tua attenzione per tutta una vita a un corpo e a una mente, che cosa ci vuole a interessarti almeno un pochino al tuo stesso Essere?Non puoi continuare a trascurare ciò che è più importante di ogni altra cosa. Che cosa può esserci di più rilevante di essere, del fatto di esistere, di quella misteriosa sensazione di essere presenti e consapevoli? Perché siamo interessati a tutto fuorché al mistero più grande di tutti i misteri? In confronto, ogni altro mistero è davvero insignificante: magari appare come molto più sorprendente ed eccitante, ma in fondo non potrà mai avere il fascino di essere!

Non è strano il fatto di essere? Come possiamo dare per scontata una cosa del genere, così sensazionale e straordinaria? Innamorati del tuo Essere, scava dentro di te, indaga la tua natura, appassionati di questo mistero che solo tu puoi risolvere! Affonda in profondità nel tuo cuore! Non può esserci qualcosa di più interessante da scoprire! Dobbiamo davvero essere dei sonnambuli per dare per scontato chi siamo e preoccuparci di tutto fuorché del nostro essere, che pure continua a risplendere nel retro della nostra esperienza in ogni singolo istante, persino quando siamo così assorbiti dai pensieri da perdere ogni contatto con esso. Recupera coscientemente la connessione con il tuo cuore, aggrappati più che puoi a quel senso di esistenza! È una cosa noiosa? No, niente affatto! Sembra così perché siamo così abituati a essere distratti e disconnessi da noi stessi!

Ritorna al tuo cuore ora!

Ritorna al tuo cuore ora! Che cosa devi aspettare? Altra sofferenza, altre illusioni, altre false speranze, altre grame consolazioni? Certamente nessuno ha l’obbligo di credere che tornare al proprio cuore sia la strada della liberazione! Se senti di essere felice nella tua vita di ora, continua per la tua strada. Ma se percepisci che c’è qualcosa di più profondo e ti senti attratto verso una dimensione ineffabile e sacra, questo è il momento per tornare davvero a te stesso! Smetti di cercare e cercare, poiché non troverai mai nulla. Anziché cercare, abbandonati al momento presente, al tuo stesso Essere, e fidati completamente di Lui. Il tuo cuore ti condurrà necessariamente nella giusta direzione, senza che tu debba preoccuparti di nulla.

Quindi, non aver paura. Non c’è nulla da temere, per quanto possa apparire spaventoso dover affondare in una dimensione apparentemente sconosciuta e ignota. Come puoi avere paura di ciò che sei? È molto più terrificante rimanere ciò che non sei! Quindi, ritorna al tuo cuore ora! Questo è il momento giusto! Se sei pronto, troverai il modo, la strada più veloce, anzi sarà la strada a manifestarsi davanti a te e tu non dovrai fare altro che imboccarla. Devi solamente smettere di voltare le spalle al tuo cuore, perché così facendo starai rifiutando il ritorno a casa. E in tal modo continuerai a non vedere le braccia aperte del tuo vero Sé pronte ad accoglierti!

Queste sono solo sciocchezze…

Ma che cos’è il cuore? Che cos’è il vero Sé? E se fossero tutte delle stupidaggini, delle consolazioni da offrire a chi vuole smettere di soffrire? Per scoprire se sono delle sciocchezze, ti basta guardare dentro di te: è una sciocchezza il senso dell’Io, il fatto di esistere? Non vale la pena di saperne qualcosa di più? Certamente non ha senso leggere che cosa dicono la scienza, i vari guru o informarsi sulle varie teorie sulla coscienza. Voglio dire: puoi tranquillamente leggere ciò che vuoi, ma perché hai bisogno di rifarti a qualcun altro quando quella stessa coscienza illumina in ogni momento la tua esperienza e illumina le stesse teorie, gli stessi pensieri degli scienziati o dei guru? Scopri tu da solo che cos’è questa misteriosa coscienza: vai oltre le tue stesse credenze.

Che importa se qualcuno dice che la coscienza è solo un prodotto della mente o del cervello oppure è solo un’illusione? D’altra parte, che senso ha credere che essa sia Dio oppure il Tutto o l’Assoluto? Invece che credere, possiamo indagare dentro di noi e scoprire la Verità, l’unica Verità che non ha bisogno di essere raccontata, creduta o per la quale sia necessario dividersi in schieramenti opposti. Anziché discutere su che cosa sia o no la coscienza, scopriamola dentro di noi! Smettiamo di lasciare ai preti, agli scienziati, ai guru, ai maestri, agli altri il compito di indagare chi siamo! Solo noi possiamo scoprire chi siamo! E allora, ritorna al tuo cuore, a dispetto di ciò che possono pensare gli altri. Nessuno può possedere la Verità: la Verità è dominio di tutti e ciascuno ha il compito di ritrovarla.

Non ho tempo di tornare al mio cuore…

E se non hai tempo di tornare al tuo cuore? Non puoi non avere tempo di tornare al tuo cuore. La mancanza di tempo, i problemi, le difficoltà, la sofferenza sono tutte il risultato della disconnessione da noi stessi. Ogni problema nasce solo nella mente, non può affliggere il tuo vero Essere, è solo un’illusione! Perché un evento diventa un problema? Diventa un problema perché non abbiamo la visione del cuore, perché siamo condizionati profondamente dalla modalità egoica. E così ci sentiamo delle povere vittime di un mondo crudele, pieni di bisogni, continuamente minacciati, non amati, dipendenti dagli altri e ci attacchiamo a cose e persone per non sentire la nostra piccolezza. Ma se riscopri il tuo Essere, ti rendi conto di non aver bisogno di nulla, di non poter essere ferito, minacciato, non amato!

Il tuo cuore è davvero la soluzione a tutto ciò che cerchi, a tutti i tuoi problemi e a ogni sofferenza. Sembra che sia impossibile smettere di soffrire e che siamo destinati a rimanere in preda al dolore, al malessere, alle difficoltà della vita. Ma chi ha mai detto che questa è la nostra Vita? Perché dobbiamo credere che dovremo continuare a soffrire, che la vita è dolore, che non c’è via di uscita alla nostra sofferenza e ai nostri problemi? Crediamo ciò solo perché siamo addormentati, perché stiamo sognando l’inferno e ci siamo dimenticati del Paradiso! Siamo diventati vittima delle nostre stesse illusioni, delle nostre idee malate, di credenze distruttive. Non puoi dire di non avere tempo o energia di tornare al tuo cuore.

Anziché perdere tempo a pensare che non hai tempo, usa saggiamente quel tempo e ritorna al tuo cuore! Anche perché tornare al tuo cuore non richiede tempo: il tuo vero Sé è fuori dal tempo!

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato sui contenuti del Sentiero della Realizzazione.

Una risposta a “Ritorna al tuo cuore”

  1. É semplicemente la “versione estesa e integrale” dei diversi messaggi che mi stanno arrivando in questo periodo. Di una minuziositá travolgente e al tempo stesso di una semplicità, chiarezza ed evidenza indiscutibili.
    Che dire..senza parole. Solo respiro e contemplazione della Vera Realtà. La visione dal Cuore. Grazie Grazie Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *