Come cambiare il mondo

Come cambiare il mondo

“Che cosa posso fare per cambiare il mondo?” Ti è mai capitato di farti questa domanda? Solo farsi questa domanda potrebbe essere indice di un genuino interesse all’evoluzione dell’umanità. Dico “potrebbe” perché in molti casi la spinta al cambiamento deriva dall’insoddisfazione per la propria vita personale, per cui si è motivati a cambiare gli altri con l’obiettivo di non lavorare su se stessi. In altri casi si è spinti a cambiare il mondo perché non se ne vede la perfezione. In altri, ci si sente semplicemente in colpa e per liberarsi di questo fardello ci si ritrova a voler aiutare un po’ qua un po’ la, senza sapere perché o come.

Quando però la missione di cambiare il mondo diventa una cosa seria, ci si deve scontrare con la verità e bisogna porsi la seguente domanda: ma come posso cambiare il mondo? Sono sicuro che i miei sforzi siano di valore per me e per gli altri? Cambiare il mondo è un’idea di molti, un sogno di alcuni, un’utopia per altri, un obiettivo e una missione per pochissimi. Ma in questo breve articolo vorrei spiegare che cambiare il mondo è possibile senza dover fare cose straordinarie. No, non sono uno di quelli che dice che si cambia il mondo ricordandosi di spegnere la macchina al semaforo per inquinare di meno o di fare la raccolta differenziata. Certo, anche queste piccole azioni hanno un valore e non voglio negarlo. Ma io parlo di un cambiamento molto più profondo, che auspico e che credo sia assolutamente possibile e anzi necessario.

Come cambiare il mondo

Qual è la cosa migliore da fare per cambiare il mondo? Non c’è bisogno di manifestazioni, di parate, di grandi proteste, anche perché nella maggior parte dei casi tali eventi non fanno che alimentare la separazione e la conflittualità, la divisione tra vittime e carnefici e rendono reali le ingiustizie. E chi partecipa a questi eventi solitamente porta con sé un grande carico di vittimismo, di rabbia, di giustizialismo e lamentele. E posso assicurarti che è molto difficile influenzare chiunque partendo da una posizione così debole. L’odio alimenta l’odio, non certo la pace. Che senso ha marciare per la pace se il proprio cuore è carico di risentimento? Non trovi che sia un tantino complicato? Io sono dell’idea che l’unico modo davvero efficace per cambiare il mondo sia trasformare il proprio essere. Non è ciò che si dice o si fa che cambia il mondo, ma ciò che si è.

Sono gli atteggiamenti a forgiare la persona, è il proprio stato interiore e il proprio livello di coscienza a influenzare il mondo. Solo quando siamo pieni di pace possiamo “marciare” per la pace. Solo quando siamo pieni di amore possiamo combattere le ingiustizie. E solo quando ricerchiamo la Verità possiamo sapere che cosa è meglio fare per il benessere nostro e degli altri. Troppe volte abbiamo la presunzione di sapere che cosa sia meglio per gli altri, quando in fondo non sappiamo nemmeno che cosa sia meglio per noi. Siamo distruttivi nei confronti di noi stessi e pensiamo di poter costruire qualcosa per gli altri. Qual è allora la cosa migliore da fare per cambiare il mondo?

La cosa migliore da fare per cambiare il mondo

La cosa migliore che ciascuno di noi può fare per cambiare il mondo è essere il più amorevole possibile, il più gioioso possibile, il più possibile disposto a perdonare, a lasciar andare, a crescere spiritualmente. Quando lavori davvero su di te, senti che stai facendo la cosa migliore per te stesso, perché ti stai rendendo felice, stai dando scopo alla tua esistenza personale e allo stesso tempo hai una missione per l’umanità, perché non c’è differenza tra l’evoluzione della tua coscienza e quella del mondo intero. Infatti siamo tutti strettamente interconnessi, e un passo in avanti da parte di qualcuno contribuisce all’avanzamento spirituale di tutti gli altri. Se non sai che cosa fare, se ti senti spaesato, se ti senti inutile, se non sei felice, tutti questi problemi hanno una sola soluzione: ama, semplicemente ama.


Non c’è bisogno di altro: questa è la tua missione per l’umanità, il tuo scopo nella vita, il modo per raggiungere la felicità, la soluzione a tutti i tuoi dilemmi esistenziali. Ama e sarai libero: occupati solo di amare. In pratica, lavorare su di sé è il modo migliore per lavorare sugli altri. Può sembrare un paradosso, ma è così. Solo il nostro essere, la nostra presenza influenza il mondo. Se ci riempiamo di amore, trasferiremo amore. Se ci riempiamo di gioia, trasmetteremo gioia. Noi diamo ciò che siamo, poiché il nostro essere si dona liberamente a coloro che ci circondano. In pratica, noi possiamo offrire solo ciò che si trova nel profondo del nostro cuore. Se siamo pieni di odio, “doniamo” odio, qualunque cosa diciamo o facciamo. Non c’è nulla che possiamo fare per impedire che la nostra negatività si manifesti all’esterno.

Come il tuo grado di evoluzione spirituale influenza l’Universo

Ma è anche vero il contrario: non c’è nulla che possiamo fare per impedire che il nostro amore e il nostro grado di evoluzione spirituale sia offerto al mondo. Accade che quando il nostro livello di coscienza aumenta, anche quello di tutta l’umanità è elevato. Immagina la Coscienza universale come un oceano, nel quale le navi che lo attraversano sono gli esseri dell’Universo. Ogni volta che il livello dell’oceano si eleva in qualunque punto, anche il resto dell’oceano sale di livello. Quindi il lavoro che tu fai su te stesso, oltre a essere un enorme regalo che ti stai facendo, è uno straordinario tributo all’umanità.

E puoi stare certo che in questo modo potrai contribuire alla pace dell’umanità e prevenire le guerre in modo molto più efficace rispetto a scendere in piazza. Non voglio sminuire gli sforzi di chi, come gli attivisti, agiscono in nome di nobili ideali. Piuttosto, vorrei invitare gli stessi attivisti a lavorare su di sé in modo da rimuovere la negatività dai loro cuori e riempirsi di amore e pace. In tal modo, potrebbero avere molto più successo e influenzare l’umanità molto più profondamente.

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!

La chiave per smettere di soffrire

La chiave per smettere di soffrire

Qual è la chiave per smettere di soffrire e lasciar andare completamente il proprio dolore?

Nessuno e niente al mondo ha potere su di te. L’unica responsabilità di come ti senti è tua. Nessuno ha il potere di darti felicità o di togliergliela: solo tu puoi cedere questo tuo potere. Per riappropriarti del tuo potere, assumiti la totale responsabilità delle tue proiezioni: osserva la tua mente e vedi come tende a incolpare, accusare e attaccare persone, cose e situazioni. E vedi come questa tendenza derivi dal carico di negatività che porti dentro di te a livello mentale ed emotivo, che deriva a sua volta da un senso di malessere esistenziale, che è l’angoscia e la colpa della credenza egoica nella separazione dall’Amore.

Quando proietti, nota che perdi la pace non per il fatto accaduto, ma per la tua interpretazione. Quindi tu sei responsabile di scegliere come ti senti. Normalmente scegliamo inconsciamente, perché siamo inconsapevoli. Ma possiamo diventare consapevoli di come siamo sempre noi a creare il nostro dolore. Se così non fosse, saremmo degli schiavi. Ma non siamo vittime del mondo. Dopo esserti assunto la responsabilità delle tue proiezioni e del tuo dolore, lascia andare i tuoi giudizi e chiedi al tuo cuore di aprirti alla visione dell’Amore. Questa è la chiave per la pace interiore e per tornare a essere padroni di sé, liberi e gioiosi, indipendenti e felici.

La chiave per smettere di soffrire: i passi verso la pace

Ecco quali sono in breve i passi verso la pace e per smettere di soffrire:

  1. Osserva la tua mente e nota il suo bisogno compulsivo di incolpare e accusare qualcuno o qualcosa della propria sofferenza.
  2. Nota che accusare il mondo del tuo dolore significa perdere la possibilità di risolverlo. Secondo l’ego infatti per smettere di soffrire bisognerebbe cambiare il mondo. Ovviamente non è possibile cambiare il mondo, e anche se fosse possibile, il dolore si ripresenterebbe sotto altre forme, perché il problema di base non è stato individuato.
  3. E qual è il problema di base all’origine della sofferenza? Ovviamente è il fatto che il dolore è già presente dentro di te, non per via di qualcosa che è successo nel mondo, ma perché è un carico che porti dentro come croce esistenziale per la credenza di essere separato. Non si tratta di una punizione, ma di una scelta di cui ognuno di noi è responsabile, per quanto il nostro ego ci faccia credere che noi siamo le vittime del mondo.
  4. Nota quindi come accusare il mondo solo apparentemente ti dia sollievo, ma in realtà rinforza il tuo dolore.
  5. A questo punto assumiti la responsabilità delle tue proiezioni e interpretazioni. Ammetti umilmente che sei tu che stai creando il tuo dolore e il tuo inferno. Ciò può essere difficile da credere, eppure è la chiave per la tua liberazione dalla sofferenza.
  6. Una volta che ti sei assunto davvero la responsabilità, puoi chiedere a Dio che ti sia offerta la visione corretta della realtà.

Come liberarti dalla sofferenza in breve

In sintesi, il tuo compito è quello di assumerti la responsabilità delle tue proiezioni, vedendo il costo che ti causano e la sofferenza che ti creano, per cercare un’altra via di salvezza dal tuo dolore. E a quel punto puoi lasciar andare le tue proiezioni al tuo cuore o a Dio o a una qualsiasi figura amorevole o a un simbolo di pace e amore. Questa è l’essenza del vero perdono: il perdono è la correzione delle proprie percezioni errate, che derivano dalle proiezioni e interpretazioni della nostra mente. La via di uscita dalla sofferenza è in gran parte una questione di visione e consapevolezza: soffriamo perché crediamo nelle illusioni della nostra mente. E l’illusione più grande in cui crediamo è quella di essere individui separati, mortali e vulnerabili.

Dopotutto, se sapessimo di essere puro spirito, perché dovremmo sentirci minacciati anche dall’assassino più crudele? A farci avere paura e farci soffrire è la nostra percezione di vulnerabilità e piccolezza, ma è proprio questa percezione a dover essere messa in discussione più di tutto, poiché è completamente falsa! Come dicono tutte le tradizioni spirituali, l’ego è un fantasma che non esiste, eppure noi crediamo alle sue menzogne prendendole per oro colato! La chiave per smettere di soffrire consiste nel ricercare la Verità con umiltà e con la disponibilità a mettere in dubbio i propri valori, le proprie credenze e le proprie interpretazioni. Finché rimaniamo dentro le nostre illusioni, sarà molto difficile trovare pace!

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!

Come ricevere i doni dell’Universo

Come ricevere i doni dell'Universo

Oggi preparati a ricevere i doni dell’Universo! L’Universo ha in serbo per te dei doni straordinari. E qual è il dono più grande che ti può fare? Ovviamente è l’Amore, dal quale discendono la Pace, la Gioia, l’Abbondanza, la Salute e il Benessere. Quindi preparati a ricevere l’Amore. E qual è il modo migliore per ottenere Amore? La cosa migliore che puoi fare è DARE amore, poiché è solo amando che possiamo ricevere indietro amore. Se non diamo amore, stiamo rifiutando anche di riceverlo, poiché stiamo chiudendo il canale con la Vita. Ecco come ricevere i doni dell’Universo!

Come ricevere i doni dell’Universo

Se vuoi ricevere i doni straordinari dell’Universo, scegli allora di aprirti all’Amore. Come? Riempi il tuo cuore di gratitudine, connettiti con te stesso, offri le tue azioni a Dio e all’umanità, non attaccandoti ai risultati, fai qualcosa gratuitamente, vivi nella gioia, coltiva una mentalità di abbondanza. E soprattutto rimuovi gli ostacoli e le barriere all’Amore: lascia andare la negatività e il giudizio, perdona e liberati da vergogna, sensi di colpa e dalla credenza di non essere degno di Amore!

Ripetiti:

Io sono degno di Amore e merito abbondanza, benessere e una vita gioiosa e soddisfacente. Il mio passato non può influenzarmi, i miei sensi di colpa, la mia vergogna e le mie paure sono falsi e non possono impedirmi di accedere all’Amore. Anziché proiettare la mia negatività nel mondo, decido di scioglierla e liberarmene per sempre, cosicché l’Amore possa tornare a fluire liberamente dentro e fuori di me. E decido di condividere il mio Amore con gli altri, perdonandoli e offrendo loro la mia pace e la mia gioia. Io sono capace, nulla mi può fermare dal raggiungere i miei obiettivi, io sono completo e in grado di far fronte a ogni problema.

Rimuovere gli ostacoli all’Amore e all’Abbondanza

Se vuoi attrarre abbondanza nella tua vita, devi sintonizzarti sulle frequenze dell’Amore. Attrarre qualunque cosa diventa molto più facile o addirittura naturale quando ti senti completo, in pace con te stesso e con il mondo e quando il tuo cuore è aperto (scopri qui come aprire il tuo cuore). I tuoi desideri possono realizzarsi molto più facilmente se ti senti già completo e quindi non sei attaccato al risultato (in altre parole se non subordini la tua felicità all’esaudimento delle tue richieste). Ma soprattutto vivere sulle frequenze dell’Amore significa essersi liberati della propria vergogna, colpa, paura, del proprio senso di separazione e piccolezza e della propria indegnità.

Insomma, significa diventare individui risvegliati e con il cuore aperto. L’ostacolo principale all’Amore è il senso di colpa esistenziale, connesso alla paura della morte e del rifiuto, della dissoluzione e della punizione e al fatto di percepire se stessi come esseri mortali, vulnerabili e limitati. L’Amore è assenza di limiti e confini, quindi per accedere a esso e sperimentarlo dobbiamo smettere di sentirci dei corpi, in altre parole dobbiamo liberarci del nostro ego. In fin dei conti, è proprio l’ego l’ostacolo maggiore all’Amore, in quanto esso per definizione nasce come negazione dell’Amore e dell’assolutezza del Tutto.

Torna a vibrare sulle frequenze dell’Amore

Per tornare a vibrare sulle frequenze dell’Amore, ci sono tantissime cose che puoi fare! Vediamone insieme alcune (per ognuna troverai un collegamento a un articolo):

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!

Come attrarre salute e benessere

Come attrarre salute e benessere

Oggi scegli di attrarre salute e benessere. Sai che cosa impedisce più di tutto di avere un corpo, una mente e uno spirito sani? Scopri come in questo articolo per tornare (o iniziare) ad attrarre salute e benessere. La salute infatti non è una conquista, ma piuttosto il ripristino delle condizioni di perfetto benessere, vitalità ed equilibrio energetico di tutto il nostro essere, sul piano fisico, emotivo, mentale e spirituale. Ogni piano è interconnesso, per cui un sintomo a livello fisico indica un problema agli altri livelli. E un malessere emotivo indica una disconnessione spirituale e un problema di gestione della mente. Come tornare a sprizzare salute da tutti i pori, senza malanni, senza acciacchi, senza disagi o malesseri? Come tornare a sentire l’energia vitale scorrere liberamente e senza sforzo?

La causa spirituale della mancanza di salute

Mancanza di salute significa solamente una cosa: mancanza di amore. Quando c’è un qualsiasi problema, un malfunzionamento, un malessere, puoi stare certo che la causa profonda e originaria è spirituale. In altre parole, c’è un disallineamento tra te e il tuo vero Sé, c’è una mancanza di consapevolezza e di amore. Insomma, stai tenendo dentro qualcosa di sbagliato. Bada bene: non sto dicendo che ci sia qualcosa di sbagliato in te, perché ognuno è perfetto e tu non fai eccezione. Tuttavia, è anche vero che ognuno di noi non è, se non in rari casi, un santo, per cui spiritualmente c’è sempre qualcosa che si può correggere e migliorare. E riallineandoci alla Verità dell’Amore, possiamo tornare ad attrarre anche salute e benessere.

Ma che cos’è esattamente che impedisce di avere una salute di ferro e quel benessere delizioso, quel senso di armoniosità interiore ed esterna che tutti cerchiamo? La risposta è: il carico di colpa inconscia che portiamo dentro di noi, sia quella che interiorizziamo sotto forma di sensi di colpa, depressione, vergogna, apatia, paura, sia quella che proiettiamo all’esterno sotto forma di giudizio, rabbia, rancore, odio e disprezzo. La colpa è come una patata bollente: più la tieni dentro di te, più ti brucia e ti distrugge. Spesso pensiamo di potercene liberare proiettandola all’esterno. Ma in realtà proiettare la colpa (sotto forma di rabbia, accusa e giudizio) è come pensare di lanciare addosso a qualcuno la nostra patata bollente, dimenticando che essa è incollata nelle nostre mani.

Come attrarre salute e benessere

Insomma, la colpa rimane dentro di noi sia che la proiettiamo, sia che la neghiamo facendo finta che non ci sia o semplicemente dimenticandoci di essa. Così la colpa genera pensieri ed emozioni negative, che saturano il nostro essere di tossine. Le emozioni e i pensieri generati dalla colpa vanno a inquinare tutto il tuo essere, debilitandolo e rendendolo fragile e incline a sviluppare malattie, disturbi fisici ed energetici, malanni, malesseri emotivi, agonia e tormento mentale, sofferenza spirituale. A questo punto, avrai capito già che per attrarre salute e benessere devi assolutamente liberarti della colpa. E come liberarti della colpa? In questo articolo ti spiego esattamente come.

Quindi decidi di smettere di nutrire la colpa e la negatività dentro e fuori di te. E, come arma terapeutica, scegli il perdono, la pace e l’amore. Il perdono detossifica l’intero essere, per cui lo stesso corpo fisico ne beneficerà enormemente. La malattia è sempre l’effetto di una decisione inconscia di mantenere la colpa e la negatività dentro di sé. Nessuno può dire di scegliere una malattia consapevolmente, ma può stare certo che i pensieri che pensa e le emozioni che prova sono direttamente in relazione con la salute dell’intero essere. A livello della forma, magari la malattia sembra causa da un virus o da un batterio, ma ci siamo mai chiesti quale sia la ragione per cui il nostro organismo consente che il virus causi la malattia? Dopotutto, la malattia non è una proprietà del virus, ma una risposta del nostro organismo.

Coltiva uno spazio interiore sano e salutare

E chi è padrone delle risposte dell’organismo? Ovviamente noi. Solitamente non siamo così potenti da scegliere consapevolmente una malattia o guarire da essa, e questo non è nemmeno il nostro obiettivo. Piuttosto, è il nostro inconscio a selezionare le risposte. E l’inconscio risponde secondo ciò che trova dentro di sé! Se dentro di noi c’è un enorme carico di colpa e negatività, è praticamente ovvio che non potremo sprizzare salute da tutti i pori! Quindi diventa responsabile dei tuoi pensieri e delle tue emozioni: scegli di coltivare uno spazio interiore sano e salutare, dove la negatività non può entrare e le tossine non possono avere alcun effetto. In questo modo inizierai ad attirare naturalmente salute e benessere, pace e armonia, amore e abbondanza.

Ripetiti:

La salute dipende soltanto da me: nulla me la può dare o togliere. Creo un ambiente pulito dentro di me, mi libero dalle tossine dei pensieri e delle emozioni negative, lascio andare il carico di colpa e di giudizio contro me stesso e i miei fratelli e scelgo la pace e il perdono per iniziare ad attrarre salute e benessere e per vivere nella gioia e nell’amore.

Ossessionarti ti impedisce di attrarre salute e benessere

C’è un’altra cosa che bisogna dire: la salute dipende dall’Amore, è un dono di Dio. Quindi non ha senso ossessionarsi con essa. Anzi, per certi versi è addirittura presuntuoso. Infatti presuppone che sia il nostro ego a decidere la dieta perfetta o l’attività fisica migliore per stare bene. Non dico di non prendersi cura di sé secondo le modalità del mondo: anzi, ciò può essere la cosa più amorevole da fare. Tuttavia, spesso la salute diventa una questione ossessiva, e ciò dipende in gran parte dal nostro attaccamento al corpo. E l’ossessività e l’attaccamento al corpo sono uno dei simboli più importanti della disconnessione spirituale! E quindi anziché migliorare la salute, rischiamo di peggiorarla prendendoci eccessivamente cura di noi stessi.

Inoltre, l’ossessività fa diventare la vita un inferno, e ciò sicuramente fa ammalare molto di più delle tossine dei cibi o dell’inquinamento nell’aria. Ricorda che il potere è sempre tuo: sei tu a dare il potere o meno all’esterno. Quindi, lascia andare tutte le credenze in base alle quali un virus, un alimento, una tossina sia in grado di farti del male. Ad avere il potere è sempre e solo la tua mente: sta a te scegliere se continuare a cedere questo potere al mondo, rimanendone vittima, oppure riappropriartene, diventando padrone di te stesso e responsabile al 100% della tua vita. Smetti di preoccuparti e sii tu ad attrarre salute e benessere!

E ricorda sempre: l’amore è la medicina più potente!

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!

Come vivere in pace

Come vivere in pace

Come vivere in pace? Qual è il modo più semplice per trovare la pace dentro di sé e soprattutto mantenerla nel tempo? Si può vivere in uno spazio interiore sereno, pulito, puro, gioioso e amorevole? Quella della pace è una vera e propria emergenza mondiale, non solo perché ancora oggi il mondo è dilaniato da guerre e conflitti, ma anche (e forse soprattutto) perché la pace non è nei nostri cuori. E se la pace non è dentro di noi, come possiamo pretendere che esista all’esterno? Come possiamo anche solo lamentarci della guerra?

“L’elemento decisivo per portare la pace nel mondo sono i nostri comportamenti di tutti i giorni”

Jiddu Krishnamurti

Solo se saremo pace potremo portare la pace nel mondo, non in base a ciò che facciamo, ma in base a ciò che siamo. La pace è una qualità della coscienza, che si espande in base a quanto è presente dentro di noi. Penso che sia inutile marciare per la pace o fare manifestazioni contro la guerra se dentro di noi ci sono fiumi di rancori, odio, disprezzo, vergogna, paura. Ma a questo punto come si può vivere ed essere sempre in pace, in un mondo che sembra sempre in guerra, avvolto dalle nubi dello stress e della frenesia?

Come vivere in pace

Vivere in pace significa essere in totale armonia con se stessi e con il mondo. Il primo passo per vivere in pace è stabilire un’intenzione forte e volere la pace con tutto il cuore. Ovviamente, non si può essere in pace con se stessi se non si è in pace con gli altri, quindi non pensare che sia possibile creare un falso stato di solitudine rilassata che escluda gli altri! La pace è possibile quando la nostra mente non è turbata da rancori e dentro di noi ci sono amore e una forte tendenza al perdono. Infatti la tua pace è quella dei tuoi fratelli. Ciò non significa che debba essere un’esperienza necessariamente condivisa fisicamente. Ma è un’esperienza condivisa mentalmente e col cuore. In altre parole, quando pensi a qualcuno, devi essere disposto, almeno teoricamente, a condividere la pace con lui.

Quindi per prima cosa devi volere una pace non esclusiva, che abbracci tutto e tutti e che sia completa e perfetta. Sì, cavolo, ma io voglio solo un po’ di relax e calma! Sai qual è il problema? E’ davvero difficile avere anche solo qualche istante di relax solo per se stessi, perché l’ego non può garantire pace. Anzi, ti dirò di più: l’ego è proprio la ragione per cui non siamo in pace. E non è colpa dell’ego, ma del nostro attaccamento a esso e della nostra tendenza a preferire le sue illusioni di falsa felicità e di vittimismo alla vera pace. Quindi, potrebbe esserti utile leggere il mio articolo su come liberarti dall’ego.

Più ego abbiamo, più è difficile sentirci in pace, perché la pace è la nostra natura, è una qualità del nostro spirito e sarà molto complicato sperimentare la nostra vera natura gioiosa se saremo sempre assorbiti dal nostro ego.

Elimina la guerra dal tuo cuore

Quindi, il secondo passo per vivere in pace è proprio quello di liberarsi dal proprio ego. Ciò implica confrontarsi con la propria eredità animale e i suoi impulsi, le sue paure e le sue ombre. Per vivere in pace, insomma, devi liberarti della guerra dentro di te. Potrebbe esserti utile quest’altro articolo su come purificare il tuo cuore dalla negatività. In breve, devi eliminare tutto ciò che non è pace: i rancori, le resistenze a perdonare, l’odio, il disprezzo, la paura, il sentirti minacciato, la colpa e la vergogna. Devi riscoprire la tua essenza immortale e invulnerabile. Finché ti identificherai con un corpo sarà piuttosto difficile essere in pace, perché l’identificazione con il corpo implica la necessità di quei meccanismi di sopravvivenza che vogliamo eliminare!

Per essere in pace, devi smettere di identificarti con l’animale che è in te e tornare a essere anima spirituale! Come si può vivere in pace se si è sempre torturati e tormentati dagli impulsi animali, se ci si sente sempre in pericolo, se dentro di sé cova sempre rabbia e paura? Puoi comprendere facilmente che è molto difficile! Il problema però è che troppo spesso cerchiamo come essere in pace dimenticandoci chi pone questa domanda? La nostra anima o il nostro ego? Se è il nostro ego, esso chiede semplicemente sollievo dallo stress. La nostra anima chiede invece di tornare alla sua pace perpetua e indistruttibile!

Scegli di vivere in pace a tutti i costi

In ogni caso, se vuoi davvero essere in pace con tutto il tuo essere, ci riuscirai. Infatti un proposito interiore forte ti predispone a una dedizione profonda e ti spinge a lottare per eliminare la guerra dal tuo cuore e scegliere sempre la pace. L’intenzione inoltre fa emergere alla tua consapevolezza tutte le barriere alla pace e ti costringerà a scegliere se lasciare in piedi quelle barriere oppure disfarti di esse. Ad esempio, se scegli di essere in pace a partire da domani, il risveglio mattutino potrebbe essere subito una sfida: la mente potrebbe convincerti che ti sei svegliato di malumore e che sarà una giornataccia, ma tu dovrai essere coerente con la tua intenzione.

Ciò non significa che debba manipolare il tuo comportamento ed essere felice se non lo sei. Ma almeno dovrai osservare i tuoi meccanismi (che è il presupposto per uscire dalla meccanicità e dall’addormentamento!) e rimanere presente. La tua presenza creerà col tempo un distacco dal tuo ego e man mano la tua libertà e il tuo potere aumenteranno. Se vorrai davvero essere in pace e sarai completamente convinto di ciò, nulla potrà fermarti. Se ogni mattina ti alzi con il proposito di mantenere la pace a tutti i costi, la tua intenzione diventerà così potente da diventare sempre più reale! Quindi scegli la pace e perseguila con tutte le tue energie!

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!

10 segni di maturità spirituale

10 segni di maturità spirituale

Scopri il tuo livello di maturità spirituale! Un percorso spirituale richiede perseveranza e impegno. Ma i suoi frutti sono dolcissimi e le qualità che permette di sviluppare sono straordinarie. Potresti scoprire di avere una o più di queste qualità già da ora! Se invece possiedi tutte e 10 queste qualità, congratulazioni, devi essere di “livello” davvero avanzato e puoi insegnarmi tu a svilupparle tutte! Con questo articolo vorrei motivarti a iniziare un percorso spirituale – se non l’hai già fatto – e a intensificarlo se sei già su un percorso. Quali sono i 10 segni più rilevanti di maturità spirituale?

10 segni di maturità spirituale

Ecco i 10 segni di maturità spirituale:

  1. Prendi la vita molto meno sul serio
  2. Tendi a non giudicare nessuno
  3. Vivi molto più nel presente
  4. Riesci a rimanere in pace anche nelle situazioni più difficili
  5. Sei in grado di rivelare segreti scottanti su di te
  6. La tua routine e i tuoi interessi si sono completamente trasformati
  7. Provi emozioni superiori e una pace che non è di questo mondo
  8. La spiritualità è al centro della tua vita
  9. Perdoni praticamente ogni cosa
  10. Sei gentile e amorevole con tutti (a partire da te stesso)

1) Prendi la vita molto meno sul serio

Una delle qualità più importanti che indicano quanto sei “spirituale” è la capacità di prendere le cose poco sul serio (scopri qui come prendere la vita molto meno sul serio). In pratica, più progredisci su un percorso spirituale, più entri dentro te stesso. E più entri dentro te stesso, più entri a contatto con una dimensione profonda dalla quale inizi a guardare il mondo con distacco. Il mondo esterno per certi versi perde significato, ma non nel senso che ti deprimi (anche se in una fase del percorso potresti sperimentare angoscia e depressione). Piuttosto, scopri dentro di te un tesoro molto più grande, in confronto al quale le cose del mondo valgono davvero poco! E comprendi che la vita non è poi così importante, che la tua identità di forma è fasulla e la tua esistenza qui sulla Terra non durerà più di una manciata d’anni.

Quindi capisci che cosa è davvero importante e smetti di ossessionarti per banalità e anche di perseguire i sogni che attraggono la maggior parte delle persone. Il successo, la fama, il sesso, il potere diventano meno attraenti per te e inizi a preferire la solitudine contemplativa oppure dai alle tue attività un nuovo significato: anziché pretendere che siano soddisfatti i tuoi bisogni, poiché ti senti sempre più completo, cominci a offrire te stesso agli altri. Inoltre, non consideri più i fallimenti, i problemi e le difficoltà della vita con la stessa serietà di prima e anzi sei in grado di intravederne le potenzialità di crescita. Dato che ricavi sempre meno la tua identità dal mondo, le cose del mondo hanno sempre meno potere su di te.

2) Tendi a non giudicare nessuno

Uno degli aspetti delle persone davvero spirituali è che non giudicano. Spesso accade però che in una prima fase del percorso addirittura il giudizio aumenta, perché vengono a galla tutte le proiezioni e inoltre è facile cadere nella tentazione di creare un ego spirituale. Se però con umiltà e pazienza continuiamo a lavorare su di noi, diventiamo sempre meno giudicanti e sempre più amorevoli con noi stessi e con gli altri. Il non giudizio implica anche il non lamentarsi. Inoltre implica che smettiamo di proiettare nel mondo le nostre percezioni errate e le lasciamo andare per aprirci alla visione del cuore. La conseguenza è che il mondo appare sempre più meraviglioso e perfetto. Una persona matura spiritualmente vede il mondo dal suo cuore e ne apprezza la bellezza. Anziché dare la colpa agli altri, è sempre disposta ad assumersi la responsabilità.

3) Vivi molto più nel presente

Una persona matura spiritualmente vive nel presente. Visita il passato e il futuro per scopri pratici, ma difficilmente ne rimane intrappolato. Inoltre, smette di ricavare la sua identità dal tempo e realizza la propria natura di pura coscienza, che vive sempre nel presente. Gode della vita istante per istante, sentendo la gioia della sua interiorità scaturire dal profondo di momento in momento per illuminare le sue giornate e le sue attività. Uno degli obiettivi della spiritualità è proprio quello di uscire dal tempo per godere appieno del momento presente, al di là dei problemi illusori creati dalla mente. Il presente infatti è l’unica dimensione reale, nel profondo della quale alberga il vero Sé di ognuno, che è uno con quello di tutti gli altri e con quello di tutto l’Universo.

4) Riesci a rimanere in pace anche nelle situazioni più difficili

Uno dei 10 segni di maturità spirituale è lo sviluppo di una forte centratura e stabilità interiore. Più sei maturo spiritualmente, più sei in grado di mantenere la pace in ogni situazione. Farti arrabbiare è molto difficile. Il tuo equilibrio è straordinario. Sai che non c’è nulla di più importante della pace interiore e non sei disposto a perderla facilmente per le faccende del mondo. Riconosci che la tua pace non dipende da quello che succede nel mondo, ma dalle tue interpretazioni. Quindi sei disposto a lasciar andare le tue interpretazioni e ad assumerti la responsabilità di scegliere la pace o il dolore. Sai che sei solo tu a decidere se perdere la pace oppure conservarla, indipendentemente da ciò che sembra accadere fuori di te.

5) Sei in grado di rivelare segreti scottanti su di te

Più sei maturo spiritualmente, più persegui la verità e non ammetti di avere scheletri nell’armadio. Sai che non ha senso mantenere segreti su di te, poiché il tuo passato non ha potere su di te e non ha effetto sulla tua vera essenza. Sei disposto a dire la verità al di là delle conseguenze che pensi possa causare su di te, eccetto nei casi in cui potresti ferire una persona impreparata. Inoltre, sei onesto con te stesso e smetti di credere alle bugie della tua mente. Smetti di aver bisogno di proteggerti, giustificarti, salvare la tua identità dal rifiuto esterno. Non ammetti l’ipocrisia innanzitutto da parte tua e sei coerente con te stesso. Essendoti perdonato tu per i tuoi errori, non hai bisogno di chiedere perdono agli altri e sei quindi addirittura disposto a essere giudicato e rifiutato in nome della tua dedizione spirituale alla verità.

Tale dedizione può apparire al mondo altri stupida e folle, perché in molti casi distrugge la tua stessa identità agli occhi degli altri. Ma tu sai che la tua vera identità non può essere toccata né ferita in alcun modo, quindi in nome della tua crescita sacrifici persino la tua identità. E scopri che fare questo in realtà in moltissimi casi ti rende più amabile, perché l’essere umano ha un debole per la spontaneità e per chi osa essere coerente e dire la verità. Al contrario, se mantieni segreti dentro di te, rischi di aumentare la colpa e la vergogna, limitando la tua crescita e felicità.

6) La tua routine e i tuoi interessi si sono completamente trasformati

La crescita spirituale rivoluziona il nostro modo di vedere, le nostre priorità, i nostri valori. Di conseguenza spesso rivoluziona anche le nostre abitudini, i nostri interessi, le nostre attività, il nostro ruolo nel mondo, il nostro rapporto con gli altri. Non c’è area della vita che non sia trasformata dal lavoro su di sé. Ciò in alcuni casi può spaventare, poiché non ci si può fidare del passato doloroso ma sicuro, dei vecchi schemi, delle certezze di una volta. Ma una persona matura spiritualmente sa vivere nell’incertezza, poiché si affida all’unica certezza del vero Sé ed è radicato in Esso anziché aggrapparsi alle certezze del mondo. Infatti l’incertezza è solo un’illusione della mente, poiché l’unica Verità è sempre presente e certa. In ogni caso, più maturi spiritualmente, più potresti ritrovarti senza le credenze di un tempo e potresti letteralmente vedere il passato morire davanti ai tuoi occhi.

Bisogna però fare una precisazione: spesso cambiamo routine e interessi semplicemente per “cambiare” la nostra identità. Magari decidiamo di “diventare più spirituali” e quindi iniziamo a non mangiare carne, a fare ritiri spirituali e viaggi astrali… Ma in tal caso stiamo facendo l’opposto di una persona spirituale! Infatti una persona matura spiritualmente cambia prima l’interno, affinché l’esterno si modifichi di conseguenza. Anziché assumere un atteggiamento spirituale prima del tempo, ammette di non essere affatto spirituale, lavora sulle proprie ombre e per trasmutare la propria parte animale, e il suo lavoro interiore produce cambiamenti nella sua routine e nei suoi interessi, non perché tali cambiamenti siano ricercati volontariamente, ma perché si manifestano in conseguenza del cambiamento del suo modo di vedere, delle sue credenze e della sua vita interiore.

7) Provi emozioni superiori e una pace che non è di questo mondo

Uno dei 10 segni più rilevanti di maturità spirituale è la progressiva apertura del cuore. Più diventi davvero spirituale, più inizi a provare emozioni superiori e sottili, in pratica cominci a sperimentare tutte le sfumature dell’amore: provi gioia, pace, gratitudine, compassione, vedi la bellezza, inizi a vivere col cuore. Provi sempre meno emozioni inferiori e sempre più emozioni dolci e potenti. Inoltre, più entri a contatto con le profondità del tuo essere, più scopri la sua dolcissima e profondissima pace. Scopri di essere completo, di non aver bisogno di nulla, di avere un tesoro di inestimabile valore dentro di te. E apprezzi sempre di più la gioia che scaturisce dal tuo Sé. Inizi a essere sempre meno di questo mondo e ti si aprono possibilità che vanno al di là della materia.

8) La spiritualità è al centro della tua vita

Una persona matura spiritualmente fa della spiritualità la sua ragione di vita. Bada bene: non nel senso che necessariamente si mette a scrivere libri spirituali e a occuparsi ossessivamente di spiritualità. Il lavoro su di sé infatti non è un impegno esteriore, ma interno. Fare delle spiritualità il centro della propria vita significa essere sempre focalizzati sul miglioramento, su principi spirituali, sulla pace e sull’amore. Insomma, si tratta di un atteggiamento interiore di profonda dedizione. Più maturi spiritualmente, più il tuo focus dovrebbe andare sulla crescita spirituale, non per “raggiungere” qualcosa nel futuro, ma per entrare più appieno dentro te stesso nel momento presente. Una persona spiritualmente matura vede in ogni occasione un’aula scolastica per imparare qualcosa. Il centro della sua vita non è più il lavoro, il potere, il piacere e nemmeno la famiglia, ma il suo percorso spirituale verso la Verità.

Ciò non significa che abbandona tutto in nome della spiritualità, ritirandosi magari sulla cima di una montagna. Piuttosto, significa che smette di essere attaccato alle cose di questo mondo e di dipendere da esse per la sua felicità e salvezza.

9) Perdoni praticamente ogni cosa

Uno dei 10 segni di maturità spirituale è la disponibilità a perdonare. Perdonare è qualcosa di piuttosto avanzato. Infatti richiede enorme umiltà nel mettere in dubbio le proprie percezioni sul male, la disponibilità a sacrificare i propri attaccamenti e la propria identità di persona vulnerabile, la capacità di trascendere il proprio ego. Per vedere quanto sei maturo spiritualmente, puoi guardare quanti rancori, fastidi, giudizi hai dentro di te. Ricorda che ogni situazione non perdonata distrugge la tua pace. Solo quando saremo disposti a perdonare tutto saremo davvero santi! In ogni caso, anche senza aspirare alla santità, una persona matura spiritualmente tende a non serbare rancore e a dimenticare le offese ricevute, poiché sa che in realtà la sofferenza parte dall’interno e che anche chi sembra commettere i delitti più atroci in realtà ha “solo” disperatamente bisogno di amore.

10) Sei gentile e amorevole con tutti (a partire da te stesso)

Una persona spiritualmente matura sa che non c’è nulla che vale di più dell’amorevole gentilezza. Tratta se stesso e chi lo circonda con dolcezza e amore. Ama se stesso e gli altri, poiché sa che solo l’Amore può guarire le sue ferite e aiutare il mondo. Più sei maturo spiritualmente, più sei pieno di amore. Ti fai guidare del tuo cuore nelle azioni e nelle scelte. Tendi a chiederti se ciò che pensi, fai e dici è amorevole oppure no. Ci pensi bene prima di ferire qualcuno e se lo fai sei disposto a chiedere subito scusa. Cerchi di essere amorevole anche nelle situazioni più difficili. Una persona spiritualmente matura ha superato la vergogna di sé e la colpa e può così accedere al potere curativo e dolcissimo dell’Amore.