Come liberarti dai condizionamenti

Come liberarti dai condizionamenti

Ognuno di noi è stato sottoposto letteralmente a un lavaggio del cervello globale. La nostra innocenza psicologica ci ha portato e ci porta ancora oggi ad assumere per vere credenze indimostrate e a farle penetrare in profondità nel nostro subconscio. La nostra mente è stata programmata in modo intenso e radicale. Il potere dei condizionamenti è così profondo che non ci accorgiamo nemmeno della sua portata. E la nostra libertà è tendenzialmente molto inferiore rispetto a quella che crediamo di avere. Continuiamo a essere programmati senza che ce ne rendiamo conto. E soprattutto continuiamo a dare per scontate delle convinzioni assurde e distruttive, ritenendole verità assolute e indubitabili. Ma allora come puoi sgretolare le tue credenze inconsce in modo da non essere più manipolabile e da essere il padrone della tua anima? In altre parole, come puoi liberarti dai condizionamenti?

La responsabilità dei condizionamenti è tua

Tanto per iniziare, non dobbiamo cadere nel tranello di dare la colpa al mondo per i nostri condizionamenti. Infatti la possibilità di essere condizionati è una nostra debolezza intrinseca. A dire il vero, non è esclusivamente una debolezza. Per sopravvivere è essenziale dare fiducia a chi ci circonda. Un bambino ha bisogno di fidarsi dei genitori per poter soddisfare i suoi bisogni. Quindi la nostra innocenza psicologica e la nostra tendenza a prendere per vero ciò che ci viene detto ha una funzione evolutiva. E serve alla nostra sopravvivenza. Tuttavia, quando cresciamo dovremmo sviluppare un sano senso critico. Tale senso critico dovrebbe essere un compromesso tra la fiducia e lo scetticismo. Dovremmo cioè mantenere la mente aperta a qualsiasi ipotesi, comprese le più improbabili (anche perché spesso la verità è sorprendente e controintuitiva).

Ma allo stesso tempo non dovremmo prendere automaticamente per buono ciò che ci viene detto. Dobbiamo cioè creare una distanza tra il momento in cui sentiamo qualcosa e il momento in cui lo crediamo vero (ovvero lo lasciamo cadere nel nostro subconscio). E per fare questo dobbiamo imparare a scegliere autonomamente se credere in qualcosa oppure no. E possiamo conservare sempre un dubbio dentro di noi. La responsabilità di essere o non essere condizionato è solamente nostra e non possiamo cederla a nessuno. Ciò significa che dobbiamo tornare a essere l’unica autorità di noi stessi e trovare la verità dentro noi stessi. Per fare questo dobbiamo identificarci con la nostra anima e lasciarci guidare dal suo sapere intuitivo e dalla visione del cuore e dobbiamo tornare a impadronirci delle strutture del pensiero critico.

Come liberarti dai condizionamenti

La verità non può essere dominio di qualcuno all’esterno di noi. Non può essere posseduta dai medici, dagli scienziati, dai politici, dallo Stato, dalla Chiesa. La nostra società funziona in base ad autorità esterne che dicono che cosa è meglio per noi. Ciò è così perché la maggior parte di noi è schiavo e bambino… Lo so, sono parole dure, ma dobbiamo guardare in faccia la realtà e assumerci la responsabilità. Il mondo è uno specchio fedele della nostra interiorità, per cui ciò che siamo crea la realtà esterna. Se siamo schiavi, abbiamo bisogno di padroni e autorità! Quindi la colpa non è delle autorità e dei padroni: la responsabilità è nostra e soltanto nostra. Il primo passo per liberarti dai condizionamenti è ovviamente ammettere che sei condizionato.

Non si tratta di una colpa: come ho scritto all’inizio dell’articolo, ognuno di noi è stato sottoposto a un lavaggio del cervello globale. Nessuno può dire di essere rimasto candido per tutta la vita. Necessariamente abbiamo dovuto essere programmati per poter sopravvivere. Abbiamo dato questo potere al mondo in modo da poterci evolvere come ego e individualità separate. E questa è stata una fase fondamentale ed evolutiva. Ora tuttavia puoi assumerti la responsabilità di sgretolare le tue credenze inconsce e liberarti una volta per tutte dai condizionamenti per tornare a essere il padrone della tua anima. Il solo fatto di assumerti la responsabilità, andando contro la tendenza della mente al vittimismo, ti porta a svolgere il 90% del lavoro. Infatti a renderci condizionati è proprio il nostro vittimismo.

Superare il vittimismo per liberarti dai condizionamenti

A renderci schiavi è proprio il nostro ragionare e comportarci da schiavi. Uno schiavo dà la colpa al padrone della propria schiavitù, si lamenta, si sente oppresso e si arrabbia col mondo per questo. La vita della maggior parte di noi è esattamente questa, senza che ce ne rendiamo neppure conto! Dobbiamo avere l’umiltà e il coraggio di guardare la nostra vita e dentro di noi per vedere come stanno le cose. Non possiamo ritrarci di fronte alla verità, anche perché ciò non farebbe altro che distruggerci e renderci ancora più schiavi (scopri qui come smettere di essere uno schiavo). Dobbiamo fare un salto di paradigma dal vittimismo alla responsabilità, cioè dall’essere bambini all’essere adulti e genitori di noi stessi. Dare potere al mondo serve al bambino per poter sopravvivere, ma a un certo punto il bambino deve assumersi la responsabilità.

Il fatto di farci condizionare è una scelta interiore. In realtà siamo responsabili anche di scegliere il vittimismo e la schiavitù. Siamo cioè responsabili di alienare la nostra responsabilità e il nostro potere al mondo. In questo modo rendiamo la nostra vita un inferno, poiché dipendiamo dagli altri e dall’esterno. Diamo al mondo il potere di renderci felici o infelici, di giudicarci, di farci del bene o del male… Insomma, non è questa schiavitù? E la mentalità da schiavi è così profondamente radicata in noi che ci sembra non ci sia una via di uscita. Eppure una via d’uscita c’è, e consiste nella volontà di superare il vittimismo e assumersi la responsabilità della propria vita al 100%. Per iniziare, possiamo smettere di dare la colpa al mondo e smettere di lamentarci.

Diventare genitore e padrone di te stesso

Man mano che ci riappropriamo dei nostri poteri e della nostra responsabilità, ci rendiamo conto di quanto siamo stati condizionati per via delle nostre debolezze. Ci accorgiamo che il nostro disperato bisogno di sicurezza dovuto al fatto di vederci come dei corpi vulnerabili e mortali ci ha spinto a dare al mondo tutto il nostro potere. E per questo dobbiamo scoprire chi siamo veramente e identificarci con la nostra anima. In questo modo scopriamo di essere immortali e indistruttibili e smettiamo di avere paura e di avere bisogno di padroni e genitori. E diventiamo padroni di noi stessi. Più diventiamo padroni di noi stessi, più possiamo sciogliere i legami che ci tengono uniti al mondo, in modo da essere sempre meno dipendenti da esso e centrati nel nostro cuore. E possiamo iniziare a mettere in discussione le nostre credenze inconsce per liberarci dai condizionamenti.

Aprendo il nostro cuore la nostra visione delle cose è rinnovata e accediamo a un sapere intuitivo e alle verità dentro di noi. Sappiamo in modo sempre più preciso che cosa è bene per noi, perché diventiamo genitori di noi stessi, e in tal modo non abbiamo più bisogno di medici, scienziati, preti, virologi, insegnanti che ci dicano che cosa è meglio per noi. Ovviamente non siamo dei “ribelli” (perché chi si ribella è ancora schiavo), ma siamo DAVVERO padroni di noi stessi e possiamo DAVVERO smettere di idolatrare le autorità. Con ciò non voglio ovviamente sminuire il ruolo di medici, virologi e insegnanti: fare ciò sarebbe come sminuire il ruolo dei genitori nei confronti dei bambini (senza sarcasmo!). Se come società abbiamo bisogno di autorità, è giusto che sia così.

Tuttavia per molti di noi è venuto il momento di superare la dipendenza dal mondo e tornare a essere padroni di se stessi.

Sgretolare credenze e rimuovere programmi inconsci per liberarti dai condizionamenti

Più diventi padrone di te stesso, più diventi impermeabile ai condizionamenti. Infatti i condizionamenti sfruttano le debolezze della nostra psiche: paure, senso di colpa, bisogno di sicurezza e felicità. Se rimuovi queste debolezze e ti identifichi con l’anima, nulla può più manipolarti. Soltanto un corpo vulnerabile e mortale ha dei bisogni e in nome di questi bisogni si sottomette e si lascia controllare. Ma un’anima immortale è immune al controllo. Inoltre, come anima hai la responsabilità di rimuovere i programmi inconsci del passato e le credenze che hai sempre dato per scontate. In particolare, devi far emergere le convinzioni che nascono dalla mentalità vittimistica, cioè tutte le credenze che danno potere al mondo.

E devi sgretolare la maggior parte delle tue convinzioni e lasciarle andare. Infatti ciò che credi vero si manifesta nella realtà per la legge di attrazione. Quindi può essere pericoloso mantenere dentro di te credenze limitanti (scopri qui come eliminare le convinzioni limitanti). Se vuoi liberarti dai condizionamenti, non devi solo stare attento a quelli esterni, ma soprattutto a quelli interni. Se anche diventi immune alle manipolazioni provenienti dal mondo, ciò non implica che sia immune anche ai condizionamenti interni. Per questo devi osservare attentamente la tua mente e il tuo comportamento per scoprire le credenze che ti guidano. In particolare, potrai notare che in molti momenti emerge una certa sofferenza inspiegabile: essa potrebbe derivare da credenze e programmi inconsci distruttivi o comunque non benefici.

Le credenze date per scontate possono distruggerti

Molte credenze sono date per scontate e possono essere distruttive. Tra di queste, c’è la credenza che un virus possa uccidere. Il che è come dire che un insulto può provocare la morte per infarto. Oppure c’è la credenza che ci sia un caso che crea gli eventi senza che noi abbiamo alcun voce in capitolo. O ancora, c’è la convinzione che la salute dipenda da ciò che facciamo e da fattori esterni. Oppure, c’è la credenza che la scienza esprima il massimo grado di verità. O che se il nostro partner ci lascia noi non abbiamo alcuna responsabilità. O che il mondo è in grado di decidere della tua felicità e infelicità. E poi ci sono un sacco di credenze su che cosa sia giusto o sbagliato fare, sul comportamento, sulle abitudini, sull’amore, sul partner, sui genitori, sui figli, sulla scuola, sul lavoro…

Insomma, siamo pieni di credenze che non fanno altro che limitare il nostro potenziale. O che possono addirittura distruggerci. Potremmo dire che il 99% delle convinzioni comuni siano completamente sbagliate o comunque limitanti. Sono convinzioni sorte a partire dall’infanzia, considerate vere perché adottate da quasi tutti, diffuse in ogni luogo, ripetute in continuazione, date per scontate, sedimentate così profondamente nel nostro subconscio da essere praticamente inattaccabili. E tali convinzioni affondano fin nella nostra essenza più intima, afferrando la nostra anima. Ad esempio, diamo per scontato di essere dei corpi, che il mondo sia fatto di materia, che il paradigma scientifico sia quello più corretto… E in questo modo creiamo una vita d’inferno… Fortunatamente possiamo trasformare l’inferno in un paradiso, rimuovendo le credenze distruttive e scoprendo che cosa è davvero reale.

Scopri la verità dentro di te per liberarti dai condizionamenti

E l’unico modo per sapere che cosa è reale è scoprire la verità dentro di sé. Se apriamo il nostro cuore, accediamo a una saggezza e a una capacità intuitiva straordinarie. Infatti la verità è sempre stata dentro di noi, solamente che in genere è velata da credenze che ci impediscono di accedere a essa. Quindi siamo convinti che le risposte ai dilemmi umani siano fuori di noi. Pensiamo che per guarire abbiamo bisogno di prendere medicine o di consultare un medico. Crediamo che per conoscere la realtà dobbiamo diventare scienziati o filosofi. Siamo convinti che per scoprire la verità servano titoli di studio e medaglie al valore. Idolatriamo i titoli perché in fondo non sappiamo niente e vogliamo solo nascondere la nostra ignoranza. Ma, come diceva Socrate, saggio è chi sa di non sapere e non chi finge di sapere o addirittura chi è convinto di sapere.

Infatti la maggior parte di noi è in buona fede: siamo convinti che più studiamo e più ci informiamo più ne sappiamo. E invece nella maggior parte dei casi più informazioni accumuliamo più siamo ignoranti, perché ci allontaniamo di più dalla verità dentro di noi. E in questo modo diventiamo sempre più schiavi.

Più sappiamo, più ci allontaniamo dalla verità dentro di noi

Più sappiamo di alimentazione, più siamo schiavi delle diete e più perdiamo il nostro potere di autoguarigione. E più studiamo filosofia e scienza, più ci allontaniamo dalla verità e diventiamo pessimisti e depressi. E più ci informiamo leggendo giornali e guardando telegiornali, meno sappiamo su che cosa accade nel mondo e più il mondo ci appare un posto schifoso e misero. Più frequentiamo persone, più ci lasciamo assorbire dall’energia negativa dei loro discorsi e ci sentiamo senza speranza. Più ascoltiamo i medici e i virologi, più ci sembra che dovremo morire tutti. E più andiamo in chiesa, più perdiamo la fede. Più chiediamo consigli agli altri, più ci sentiamo insicuri.

Più cerchiamo soluzioni ai nostri problemi, più diventiamo confusi. E più ci facciamo una cultura, più costruiamo barriere e limiti dentro di noi che ci mandano allo sfacelo. Più sappiamo, più ci allontaniamo dalla verità dentro di noi. E in questo modo soffriamo e diventiamo ancora più schiavi del mondo. Di conseguenza, perdiamo il nostro potere e la nostra libertà, la nostra felicità e la nostra capacità di amare. Per questo dobbiamo tornare a connetterci con noi stessi, con la nostra parte più profonda, per accedere alla saggezza e alle intuizioni dell’anima ed essere guidati da essa invece che dalla false certezze del mondo. La verità del cuore è indubitabile, costruttiva e rivolta verso il Bene e la Vita. Per liberarti dai condizionamenti devi aggrapparti all’unica certezza del tuo cuore.

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato.