Come potenziare la tua concentrazione

come potenziare la tua concentrazione

La concentrazione è una delle chiavi del successo in tutti gli ambiti, da quello personale a quello materiale. Se la tua concentrazione vacilla facilmente, ti sarà difficile rimanere focalizzato su un obiettivo per lungo tempo e farai fatica ad ottenere i risultati desiderati. Inoltre, avere pochi livelli di concentrazione è causa di sofferenza. Non solo, infatti, sei frustrato dalla tua incapacità di focalizzarti e raggiungere un obiettivo, ma diventerai facilmente infelice e insoddisfatto. Una mente poco concentrata, infatti, è una mente che vaga, quindi assillata da pensieri che ti rendono infelice. In questo articolo ti mostrerò delle strategie per potenziare la tua concentrazione come non mai.

La prima cosa che ti voglio far notare è che la concentrazione è una pratica. Il che significa che essa non è qualcosa che si conquista all’improvviso. Si tratta di un’arte che va padroneggiata di volta in volta. Tuttavia, potenziare la tua concentrazione è una meta-abilità straordinaria, che puoi applicare in tutti gli ambiti. Aumentare questa fantastica risorsa ti permetterà di essere più produttivo, di focalizzarti su un obiettivo in modo deliberato. Ma la cosa più importante è che una mente concentrata non è distratta da preoccupazioni o da pensieri, per cui è una mente serena ed equilibrata. In breve, concentrandoti i tuoi livelli di felicità aumenteranno notevolmente. Vediamo allora come potenziare la tua concentrazione attraverso 3 strategie.

La strategia numero uno: medita

La pratica assolutamente più opportuna per aumentare la tua concentrazione è la meditazione. Essa consiste proprio nel tenere l’attenzione focalizzata su un determinato oggetto (il respiro, un’emozione, una sensazione). Il risultato di una pratica costante è un sensibile potenziamento della tua abilità di concentrarti. A dire il vero, la meditazione consiste principalmente nel riportare la tua attenzione sull’oggetto ogni volta che ti distrai. Essa ti insegna dunque innanzitutto a recuperare la concentrazione quando la perdi e a tornare immediatamente alla tua attività.

Ma la cosa più straordinaria è che la meditazione ti permette di rimanere nel qui e ora. Lo spazio del presente è una dimensione priva di pensieri e di distrazioni. Tanto più abituerai la tua mente a rimanere nel presente, tanto più sarà facile concentrarti ed essere immune alle distrazioni provenienti dall’esterno ma soprattutto dai tuoi stessi pensieri. Meditando regolarmente, la tua capacità di rimanere concentrato si svilupperà pian piano fino a raggiungere livelli da fare invidia.

La strategia numero due: fai una cosa per volta

Il multitasking è una delle peggiori modalità di lavoro che sia mai stata ideata dall’uomo. Esso provoca un deficit cognitivo, come è stato rilevato dal neuro-scienziato del MIT Earl Miller. Esso consiste nel frammentare l’attenzione su numerose attività: in questo modo ciò che accade è che spostiamo la nostra concentrazione ripetutamente da una faccenda all’altra. Inoltre, il multitasking è causa di stress, porta a dimenticarsi delle cose e a distrarsi più facilmente. Non c’è modalità di lavoro peggiore.

La strategia di lavoro vincente è concentrarsi a lungo su una singola attività. Per aumentare la tua concentrazione, devi dedicarti ad una sola cosa fino a portarla a termine. Appena termini l’attività, puoi iniziarne un’altra, ma non fare mai due o più cose contemporaneamente, a meno che non voglia peggiorare le tue abilità cognitive e rovinarti il cervello. Ricorda che la sensazione di essere produttivi è un’illusione quando ti dedichi al multitasking: la verità è che la tua mente è bombardata da stimoli e ciò che scambi per efficienza è solamente la sensazione di un cervello pieno zeppo.

La strategia numero tre: elimina le distrazioni

Questa strategia è connessa con la precedente, ma merita una trattazione separata dato che oggi le distrazioni sono una questione internazionale. Il telefono che squilla, l’arrivo di una mail o il suono della notifica di un messaggio sono tutte piccole distrazioni che contribuiscono a diminuire i tuoi livelli di concentrazione. Ogni volta che ti distrai, la tua mente farà sempre più fatica a recuperare la concentrazione. Ogni distrazione allarma il cervello, facendolo uscire dallo stato di rilassatezza e calma di cui hai bisogno per svolgere un’attività impegnativa. Pensa ad ogni distrazione come ad un chiodo. Immagina che ogni volta che ti distrai ti stia piantando un chiodo nella fronte. Spero di averti impressionato un po’, così la prossima volta spegnerai quel benedetto cellulare!

Come potenziare la tua concentrazione usando queste 3 strategie

In breve, ti consiglio di integrare tutte e 3 queste strategie nella tua vita. Medita, abbandona il multitasking ed elimina le distrazioni. Soltanto queste tre mosse possono potenziare a dismisura la tua concentrazione. Non ci sono trucchi magici o segreti particolari. Per carità, esistono tecniche che funzionano nel breve termine se vuoi concentrarti, ma per l’appunto funzionano solo nell’immediato e non garantiscono certo un miglioramento delle tue funzioni cerebrali. Se vuoi aumentare la tua concentrazione, devi pensare nel lungo termine.

In ogni caso, se la meditazione può richiedere un po’ di tempo per mostrare i suoi effetti, abbandonare il multitasking e rinunciare alle distrazioni sono due mosse che puoi fare immediatamente. La prossima volta che dovrai dedicarti ad un progetto, dedica tutta la tua attenzione ad esso e spegni il cellulare. All’inizio potrebbe sembrare difficile perché il tuo cervello è abituato ad essere bombardato in continuazione da notifiche e suoni, tant’è che sicuramente sentirai comunque il telefono vibrare nella tua testa (vedi la sindrome della vibrazione fantasma). A questo punto, però, c’è ancora qualcosa che puoi fare per potenziare la tua concentrazione.

Come potenziare la concentrazione attingendo alla tua missione

Non ti posso negare che concentrarsi su qualcosa che non piace o che perlomeno non ha un significato personale è complicato. Se la tua giornata è un susseguirsi di attività noiose che non hanno alcun legame con uno scopo o che non ti danno alcuna soddisfazione, concentrarti richiederebbe una forza di volontà immane e ti esaurirebbe rapidamente le energie. Per questo hai bisogno di farti guidare da una missione. Se non hai ancora scoperto il tuo scopo vitale, ricercalo immediatamente. Infatti c’è una stretta connessione tra capacità di concentrarsi e il senso di missione. Tale scopo agisce da fattore motivazionale e ti dà l’energia necessaria per concentrarti e per liberare il tuo massimo potenziale.

Senza una missione, avrai davvero pochi elementi che ti possano mantenere energico e desideroso di lottare. Il primo passo per concentrarti è focalizzarti su degli obiettivi a lungo termine. In breve, devi lottare per qualcosa in modo da aggrapparti alla forza che scaturisce dalla tua missione. Visualizza ora la tua missione, sia che l’abbia già creata o che la debba ancora creare. Riconnetterti con il senso che tu dai alla tua esistenza ti dà un’energia potentissima, che ti mette nel giusto stato per poterti concentrare al meglio. Non pensare di poterti concentrare facilmente se la tua vita è un insieme di gesti meccanici e attività ripetitive, che anziché darti energia te la risucchiano.

Tre accorgimenti che possono fare la differenza

La tua capacità di concentrarti dipende anche da fattori fisiologici che non puoi ignorare:

  • Dormire e riposare correttamente ti darà l’energia fisica e mentale necessaria per sostenere sforzi lunghi e intensi;
  • Allo stesso modo, seguire una dieta bilanciata ed equilibrata e che riduca i carboidrati è fondamentale per evitare la sonnolenza e la mancanza di energia;
  • Allenarti regolarmente è davvero un toccasana per il tuo cervello.

Ricordati sempre che il tuo corpo è alla base di ogni tuo obiettivo e senza di esso non potresti andare molto lontano. Ignorare i bisogni del tuo corpo e non riposare sono 2 ladri di energia individuati dallo stesso Dalai Lama. Ti conviene prenderti cura del tuo corpo, altrimenti non puoi pretendere di potenziare la tua concentrazione.

Non sottovalutare il potere delle pause. L’ideale è suddividere la tua giornata in blocchi di un’ora, in modo da non prolungare troppo lo sforzo ma anche da non distrarti troppe volte con tecniche che ti invitano a spezzare le tue attività dopo solo venti minuti.

Come potenziare la tua concentrazione entrando nel flow

L’ultimo consiglio che ti do su come potenziare la tua concentrazione è entrare nel flow. Se seguirai passo passo le indicazioni fornite dallo psicologo Mihaly Csikszentmihalyi per raggiungere questo meraviglioso stato, concentrarti non sarà più nemmeno un problema. Uno dei presupposti per entrare nel flow è, almeno all’inizio, partire da un’attività che ami. Se provi piacere per ciò che fai ti sarà molto più facile accedervi. Ricordati che hai bisogno di obiettivi chiari e feedback immediati, di scegliere un compito di adeguata difficoltà e di conservare uno stato di pace. Finché sarai stressato e frenetico, il tuo organismo non potrà entrare nel flow.

In conclusione

Come ho scritto all’inizio dell’articolo, la concentrazione è una pratica che richiede esperienza, per cui devi essere davvero desideroso di diventare un maestro in questa arte se vuoi davvero raggiungere risultati straordinari. Come per tutte le arti, sviluppare concentrazione richiede impegno e disciplina. Correggendo le tue abitudini e seguendo i consigli di questo articolo, potresti davvero potenziare sensibilmente la tua concentrazione. Ricorda che la meditazione viene prima di tutto e se mediterai otterrai benefici in tutti i campi dell’esistenza. Grazie per aver letto l’articolo e ti invito ad iscriverti alla newsletter per ricevere gli ultimi articoli da Il Sentiero della Realizzazione!

Segui la nostra pagina Facebook per rimanere costantemente aggiornato!