10 tossine che ti avvelenano

10 tossine che ti avvelenano

Esistono determinati comportamenti, attitudini ed emozioni mal gestite che distruggono letteralmente il tuo organismo. Ho individuato 10 tossine che ti avvelenano e che devi subito riconoscere e allontanare dalla tua vita. Si fa un gran parlare di persone tossiche, ambienti negativi, minacce esterne alla tua salute fisica e psichica. Ma spesso ci si dimentica che sei tu stesso ad avvelenarti da solo. Sono anzi convinto che gran parte delle tossine siano autoprodotte e il tuo malessere dipende essenzialmente da esse. Quali sono queste 10 tossine che ti avvelenano? Vai avanti per scoprirle!

Le 10 tossine che ti avvelenano

  • 1) Non perdonare, serbare rancore, odio e vendetta

La tossina più devastante con cui puoi distruggerti è l’attitudine a considerarti vittima di un passato ingiusto, a volerti vendicare delle malefatte subite, a rimuginare continuamente sui torti commessi nei tuoi confronti. Non c’è nulla di più autodistruttivo di questo. Il tuo ego potrebbe convincerti che sia bene serbare negatività nei confronti dei tuoi carnefici, ma la realtà è che non perdonare ti divora come un mostro assetato di sangue. Non è affatto facile perdonare, ma quando non lo fai crei attrito con la vita e con il momento presente. E in questo modo ti ammali. Perdonare, al contrario, è un potente atto curativo per la psiche e anche per il corpo, poiché significa rilasciare tensioni dolorose accumulate dentro di te. È maggiore lo sforzo di tenere il cuore chiuso piuttosto che quello di aprirlo.

  • 2) Vivere nella rabbia e nel giustizialismo.

Similmente alla precedente, la tossina della rabbia è pericolosissima. Soprattutto, diventa distruttiva quando la alimenti con la tua energia, credendo alle ragioni e alle giustificazioni che la tua mente ti offre. Tali ragioni non sono sbagliate in assoluto, ma partono da una prospettiva limitata e carente di amore. Quando pensi di aver ricevuto un torto, rinuncia alla rabbia. Non ti sto dicendo che non devi eventualmente lottare per raggiungere il tuo obiettivo, ma se ritieni giusto farlo, a che cosa ti serve la rabbia? L’ira ti acceca, per cui difficilmente ti porterà a ottenere ciò che vuoi. Preferisci il distacco e la lucidità. Inoltre, smetti di difendere a tutti i costi il bisogno di giustizia: battiti per i tuoi diritti, ma nel frattempo accetta la situazione presente. Il giustizialismo è intrinsecamente egoistico, ed è diverso dal senso più profondo di giustizia che nasce da una visione altruistica e amorevole.

Tre tossine subdole

  • 3) Le preoccupazioni compulsive e irrefrenabili

Le preoccupazioni sono molto più subdole. Esse scompensano la tua psiche attraverso l’ansia e lo stress, mettendoti in uno stato di costante ipervigilanza. Qui trovi un mio articolo per aiutarti a smettere di preoccuparti.

  • 4) Il bisogno di controllo

Il bisogno di controllo ti fa sentire perennemente stressato e ti porta sempre fuori dal momento presente. Esso nasce dalla paura, che crea ossessività e mancanza di fiducia nella vita. Si tratta di un meccanismo arcaico che però oggi è molto diffuso per via della frenesia della vita odierna. Non è immediato notarlo, ma se ti senti stressato e non riesci a capire il perché, l’esigenza di controllare tutto potrebbe esserne la causa.

  • 5) La disconnessione da te stesso

Quando sei continuamente preso dai pensieri, dalle cose da fare e dal mondo e non trovi spazio per te stesso, il tuo organismo accumula a tua insaputa tossine. Se non ti osservi, non mediti o non ti dedichi mai a te stesso, è naturale che ogni genere di stress, tensione ed emozione non elaborata ti devasteranno. Se sei in completa balia della tua macchina biologica, è assai probabile che ti sentirai spesso esausto e sarai immerso nella negatività. Il tuo organismo, evidentemente, ha bisogno di te e del tuo ascolto! Non trascurarti mai, né fisicamente, né mentalmente né spiritualmente.

Delle 10 tossine che ti avvelenano, queste 3 vanno subito eliminate

  • 6) La lamentela costante

Lamentarti ti sottrae enormi quantità di energia e ingrigisce la tua intera esistenza. Ti consiglio di leggere il mio articolo su come smettere di lamentarti! La lamentela è una delle ragioni principali per cui il mondo ci appare insopportabile, ci rende impazienti e incapaci di stare con noi stessi. Essa ti impedisce di accedere al silenzio del tuo Essere e ti priva di ogni pace.

  • 7) Il giudizio aspro e intollerante

Il giudizio è una delle principali cause della tua sofferenza. In particolare, più il tuo giudizio è aspro e severo, più esso ti si ritorcerà contro. Esso è come una tossina latente, che si sedimenta nella psiche di chi lo pronuncia, ed è pronta a riversare il veleno su di esso al momento meno opportuno. Non preoccuparti del giudizio degli altri, ma piuttosto pensa a quanto spesso sei tu a giudicare. Ma non giudicarti per il fatto di giudicare! Giudicare è umano, ma puoi liberarti di questa attitudine.

  • 8) Voler aver ragione a tutti i costi

È lecito avere delle opinioni, ma è fondamentale che non ti identifichi mai con esse. Il tuo ego ama avere ragione e vincere una discussione. Ma per l’appunto questo bisogno compulsivo è un meccanismo arcaico. Non ne hai più bisogno oggi per sopravvivere. Scegli, piuttosto, di comprendere il punto di vista dell’altro, in nome dell’armonia della vostra relazione.

Le ultime 2 delle 10 tossine che ti avvelenano sono insospettabili

  • 9) Non essere genuino

Quando non esprimi te stesso in modo autentico, rinunci alla tua felicità in nome di un minimo di sicurezza. Fare questo ti causa frustrazione, tensioni e negatività. Questa tossina è insospettabile poiché oggi è quasi scontato sacrificare i propri sogni in nome del comfort e per evitare di affrontare le proprie paure. Nelle tue relazioni, sii autentico e non avere nulla da nascondere.

  • 10) Non esprimerti

Se non ti esprimi liberamente, l’energia rimane stagnante nel tuo organismo. Cantare, ballare, correre e muoversi, liberare il tuo talento creativo, scrivere, sognare a occhi aperti sono azioni fondamentali per il tuo benessere. Se non ti esprimi, rischi di cadere nell’apatia. Sentiti libero e supera gli ostacoli che ti fanno sentire imbarazzato, impaurito o svogliato.

Grazie per la lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato sui contenuti del Sentiero della Realizzazione!