Le migliori frasi di Yogananda

Le migliori frasi di Yogananda

Paramahansa Yogananda è stato un filosofo e mistico indiano. I suoi insegnamenti e le sue lezioni di vita sono fondamentali per chi segue un percorso spirituale. In questo articolo ho raccolto quelle che secondo me sono le migliori frasi di Yogananda, tratte in particolare dalle sue principali opere: “Autobiografia di uno Yogi” e “Come essere sempre felice”.

Le migliori frasi di Yogananda sulla mente

La mente è l’artefice di tutte le cose. Voi dovete indurla a creare soltanto il bene. Se, con tutta la forza della volontà dinamica, vi concentrerete su un determinato pensiero, alla fine lo vedrete prendere una tangibile forma esteriore. Quando riuscirete a servirvi della volontà esclusivamente per scopi costruttivi diverrete padroni del vostro destino.

Yogananda ci ricorda che la nostra mente crea tutta la nostra realtà. Per questo è necessario diventarne padroni in modo da spingerla a creare il bene. I pensieri creano il mondo esterno e fanno l’essere umano. In quest’altra frase del maestro troviamo una considerazione simile:

Nella vita le occasioni si creano, non arrivano per caso… Voi potete guidare la forza inesauribile della mente verso la realizzazione dei vostri desideri…

E in quest’altra si sottolinea il valore della volontà umana: essa è in grado di generare un’enorme quantità di energia.

La volontà dell’uomo è il grande generatore di energia. Con la volontà e il giusto atteggiamento è possibile attingere rapidamente all’infinita riserva della forza interiore. Una persona che compie malvolentieri i propri doveri quotidiani soffrirà di una mancanza di energia. Un uomo che invece lavora sodo ma con buona volontà, è sostenuto fisicamente e moralmente dalla corrente cosmica.

Sul successo

La stagione del fallimento è il momento migliore per piantare i semi del successo.

In questa frase Yogananda ricorda che il fallimento non è una sciagura. La maggior parte di noi si dispera quando non ha successo. Ma in verità fallire è necessario per migliorarsi e apprendere lezioni di vita, acquisire saggezza e, non da ultimo, superare la paura del giudizio. Infatti temiamo che fallendo il nostro valore verrà intaccato e verremo rifiutati. Fallire è dunque un’occasione per uccidere il proprio orgoglio.

Le migliori frasi di Yogananda sulla volontà di essere felici


Una forte determinazione di essere felici vi aiuterà. Non aspettate le circostanze per cambiare, credendo erroneamente che in esse stanno le difficoltà. Non fate dell’infelicità un’abitudine cronica. È una benedizione per voi stessi e per gli altri se siete felici. Se possedete la felicità voi possedete ogni cosa; essere felici significa essere in sintonia con Dio.

Qual è il modo più rapido per essere felici? Volerlo! Quante tecniche e abitudini abbiamo bisogno di adottare? Nessuna: è sufficiente sviluppare dentro di sé un certo grado di desiderio. Tutti diciamo di voler essere felici, ma in realtà mettiamo il lavoro, i soldi, la sopravvivenza e il comfort al primo posto, dimenticandoci totalmente della felicità. Inoltre, trasformiamo l’infelicità e i nostri malesseri in un’abitudine dolorosa, attorno alla quale cuciamo la nostra identità.

Nella frase seguente Yogananda ribadisce il ruolo della volontà nel raggiungere la felicità:

Se vuoi essere triste nessuno al mondo può renderti felice. Ma se decidi di essere felice nessuno e niente può toglierti la felicità!

Sulla libertà

La libertà dell’uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole; essa non dipende da vittorie esterne, ma interne.

Come insegnano anche i filosofi stoici, l’unica vera libertà è quella interiore! Dunque, l’unico modo per essere liberi è, ancora una volta, volerlo. Tuttavia, abbracciare la libertà significa fare un salto nel vuoto, perché non sappiamo che cosa ci aspetterà dall’altra parte, fuori dalla nostra prigione mentale. Siamo gli schiavi della caverna di Platone, affezionati alle nostre catene al punto da deridere e aggredire i nostri potenziali liberatori, scambiandoli per dei folli.

Le migliori frasi di Yogananda sulla felicità

Quando tu smetterai di voler riempire la tua coppa di felicità, ed inizierai a riempire quella degli altri, scoprirai, con meraviglia, che la tua sarà sempre piena.


Questa è in assoluto secondo me una delle migliori frasi di Yogananda. Quante volte pretendiamo che gli altri ci rendano felici, mentre noi rimaniamo imbronciati a chiedere e mendicare senza nemmeno pensare che potremmo essere noi i primi a distribuire felicità gratuita a chi ci circonda? La felicità è uno stato interiore, creato da ciascuno di noi autonomamente. Se tu hai il coraggio e la forza di accedere perennemente a quello stato e a facilitare la felicità degli altri, sarai sempre traboccante di gioia.

Distingui fra le tue necessità e i tuoi desideri. Le necessità sono poche, mentre i desideri possono essere illimitati. Per trovare libertà e serenità, segui solo le tue necessità. Smetti di creare desideri illimitati inseguendo i capricci della falsa felicità. Più dipendi da condizioni esterne per la tua felicità, meno felice sarai.

Questo è uno degli insegnamenti più importanti. Dobbiamo liberarci dai desideri per essere felici. Quando siamo schiavi dei desideri, la nostra felicità dipende dalla loro soddisfazione. Per questo non dobbiamo cadere nell’inganno di indulgere nei piaceri. I desideri nascono nella mente e creano tensione e danno vita a un circolo vizioso di appagamento e insoddisfazione.

Le condizioni oggettive sono sempre neutre. È la tua reazione a esse che le rende tristi o felici.

In questa frase è contenuto un principio cardine di crescita spirituale: il nostro stato d’animo dipende esclusivamente da noi, che ne siamo consapevoli o meno. Per questo l’unica cosa sensata e saggia è assumerci la responsabilità dei nostri atteggiamenti. Inoltre dobbiamo osservare i comportamenti meccanici del nostro organismo per spezzare la dipendenza da essi.

Sulla moderazione

Per quanto una cosa sia piacevole, se esageri smette di darti piacere e, al contrario, ti causa dolore. Ricorda quindi di non esagerare con il cibo, il sonno, il lavoro, le attività sociali o qualsiasi altra occupazione, per quanto piacevole essa sia, perché l’eccesso non ti darà nient’altro che infelicità.

Esagerare con i piaceri non è sano. Addirittura eccedere causa sofferenza e ci sottrae energia. Come dicevano i Latini, modus est in rebus. La moderazione è una delle virtù più alte di un essere umani.

Infine, ti lascio con quest’ultima frase di Yogananda:


La più grande guarigione per cui dovresti pregare è la guarigione dall’ignoranza.

Grazie della lettura! Iscriviti alla newsletter e seguimi su Facebook per rimanere aggiornato!